sabato 30 dicembre 2017

Interrogazioni (e risposte) Consiglio Comunale 28/12/2017

Se al prossimo Consiglio vuoi chiedere qualcosa al Sindaco o agli Assessori saremo lieti di farti da portavoce. Contattaci (clicca qui) oppure inviaci una segnalazione, anche anonima (clicca qui).

Per essere informato sui nostri incontri e su ciò che avviene nel Comune di Vetralla iscriviti alla newsletter (clicca qui).


Di seguito le nostre interrogazioni durante l'ultimo consiglio e, in sintesi, le risposte ricevute (al netto delle assenze):


Al Sindaco Coppari:


  1. Vorremmo sapere se si stanno elaborando delle strategie per il controllo della velocità sulle vie minori di Vetralla, i residenti lamentano situazioni di pericolo causate dalla velocità sostenuta. Basterebbe ad esempio l’installazione di dissuasori di velocità, dossi artificiali o sistemi di rallentamento ad effetto acustico, per mitigare il problema.
    R: I dossi nei pressi degli attraversamenti pedonali sono una soluzione percorribile al quale già stavamo pensando, sia per le strade comunali sia per la Cassia, dove grazie alle rotatorie si è già raggiunto un rallentamento delle auto. Il tutto potrà però essere realizzato dopo il rifacimento del manto stradale.


All’Assessore Tosini (assente):
Premetto che sono ancora in attesa delle risposte scritte alle interrogazioni presentate nei Consigli Comunali passati, e che sono ampiamente ed abbondantemente scaduti i termini di attesa. La sollecito assessore quanto prima ad adempiere a tale richiesta.


  1. Revisione al P.r.g. La  stiamo ancora attendendo, calcolando che poi andrà sottoposta a VAS i tempi sono ancora lunghi! Quanto manca alla presentazione? Dovrà essere nuovamente prolungato l'incarico al resp. esterno dell’area urbanistica?
    Nessuna risposta
  2. Foro Cassio. Il 30/09 ci ha risposto che era appena arrivata la variante che sarebbe stata inoltrata alla Regione. A che punto siamo e se ci sono sviluppi.
    Nessuna risposta
  3. Abbiamo visto la richiesta alla Regione Lazio per degli interventi di ripristino da dissesto idrogeologico alle sponde del Fosso Potente e delle scarpate su strada Pian delle Crete, vorremmo conoscere i dettagli sulla situazione e se si hanno notizie in merito a questa richiesta.
    Nessuna risposta


All’Assessore Postiglioni:


  1. Riguardo alle aree in concessione ai confini del bosco di cui avevamo già parlato in numerose precedenti sedute che sviluppi ci sono?
    R: Nessuna novità, gli uffici hanno avuto altre priorità.
  2. Avete calendarizzato la discussione sul regolamento degli animali?
    R: No.
  3. Riguardo all’area sgambamento cani è stata individuata l’area e redatto il progetto? Sono state contattate le guardie zoofile?
    R: L’area individuata si trova alla villa zona vallette ma ancora non è stata deliberata in giunta.
  4. Per le nuove tabelle delle le vie carrabili e non carrabili del bosco, siete riusciti a decidere come procedere, se, come detto al consiglio del 30/09 intendete magari usare i fondi vincolati a tutela boschiva?
    R: No, gli uffici hanno avuto altre priorità.
  5. Mosaico che si trova nella scuola dell’infanzia di Tre Croci, ci sono state delle decisioni e degli sviluppi in merito alla sua conservazione?
    R: Abbiamo dato incarico a un professionista per un sopralluogo per valutazione delle operazioni di manutenzione e conservazione.


All’Assessore Pasquinelli (assente):


  1. Siamo ancora in attesa della sua risposta scritta sui dettagli della variazione di bilancio passata nei scorsi consigli che riportava tra le premesse: “su richiesta scritta dell’assessore”.
    Nessuna risposta
  2. Nuovo regolamento RSU, continuiamo da diversi mesi a chiedere sviluppi. Ci sono novità questa volta?
    R (Coppari): Ci sono stati incontri con l’aggiudicatrice del bando, a Marzo ci saranno nuovi sviluppi.
  3. Avete proceduto alla traduzione del video promozionale su Vetralla come ci ha comunicato il 30/09 e contattato Visit Lazio per inserirlo?
    Nessuna risposta
  4. E’ riuscito a effettuare un sopralluogo alle Grotte lungo la via Francigena?
    Nessuna risposta
  5. Ci avete negato di partecipare alla Giornata Nazionale dell’Albero in quanto una delle aree da noi individuata a vostro parere non era idonea e avete intenzione di utilizzarla diversamente. Avete deciso come utilizzarla? La seconda area ci sarebbe una concessione ma manca la sottoscrizione della convenzione. Avete provveduto a correggere la situazione? Ci avevate anche consigliato di usare l’area per sgambatura cani, ma almeno come già chiesto all’assessore Postiglioni, avete deciso almeno dove farla?
    Nessuna risposta
  6. Via dei Castani, via parallela alla ferrovia su strada Carcarelle. Segnalazione fatta anche dal consigliere Aquilani con tanto di foto. La situazione è immutata, anzi peggiorata. Avevate annunciato un tempestivo intervento, quando avete intenzione di  sistemare quella discarica a cielo aperto?
    Nessuna risposta
  7. Piazzale San Marco, quando si interverrà sul verde di quest’area? Oltretutto le siepi che delimitano le scale sono diventate una selva altissima.
    R (Postiglioni): Per le siepi la Vetralla Servizi è intervenuta a fine novembre.
    Specifichiamo che la richiesta vale anche per la vegetazione sulle mura o si vuole aspettare le prossime elezioni come già avvenuto?
    R (Postiglioni): Interverremo anche su questo.


All’ Assessori Palombi:


  1. Mensa scolastica: siamo ancora in attesa dell’inizio dei lavori per il suo completamento, sappiamo che finalmente hanno presentato il progetto definitivo solo poco tempo fa, vorremmo che ci aggiornasse sulla situazione e ci spiegasse come mai abbiamo atteso ancora tutto questo tempo e cosa si è fatto per incalzare la ditta ad adempiere e a che punto è l’iter definitivo.
    R: Il progetto è arrivato nei tempi, Siamo in fase di approvazione del progetto che sembra vada bene.
  2. Sempre a proposito di mensa, in un precedente consiglio ci ha detto che si stava provvedendo per il comitato mensa, è stato infine istituito? Chi sono i referenti? Avete già preso contatti?
    R: I nominativi sono arrivati dalla scuola, non li abbiamo ancora convocati perché si aspettava la nuova mensa, ma visto il protrarsi dei tempi a breve verranno inviate le lettere di convocazione ai membri scelti.
  3. Che novità ci sono sullo stabile di Mazzocchio? Per quanto tempo rimarrà inutilizzato?
    R: Per la casa famiglia stiamo predisponendo il bando, mentre visto che il distretto con capofila Vetralla è assegnatario dei fondi per il centro famiglia, e sul progetto avevamo indicato come sede quella di Mazzocchio, a breve verrà utilizzata una porzione per questa destinazione e verranno effettuati dei lavori di manutenzione e divisione a questo scopo.
  4. E’ stata informata su quanto avvenuto alla festa di Natale delle scuole primarie? Le recite si sono svolte nella sala di S. Filippo e Giacomo. Sono stati invitati contemporaneamente tutti i genitori alla stessa ora, di conseguenza la sala era piena oltre la sua disponibilità. Abbiamo contato circa 300 persone all’interno a cui aggiungere quelle sulle scale e all’entrata. Oltre al malumore dei genitori che non hanno potuto godere dell’esibizione dei propri figli, ciò che ci preme è capire se sono stati rispettati gli standard minimi di sicurezza. Auspichiamo che possa dialogare con il Dirigente Santoni affinché situazioni simili non si ripetano. Basterebbe dividere l’evento per giorni o fasce orarie.
    R: No, non ne siamo a conoscenza.


All’ Assessori Costantini:


  1. Nel verbale del revisore dei conti dedicato alla nota di aggiornamento al Dup, lo stesso ci invitava, prima del prossimo bilancio di previsione, a modificare il regolamento di contabilità integrandolo delle mancanze, cioè le regole per tempi e modi di aggiornamento del Dup. Questo lavoro è stato iniziato? Lo adempirà prima del nuovo bilancio previsionale?
    R: Effettuerò risposta scritta.


Al presidente del Consiglio Ragonese (assente):
  1. Sito internet e posta elettronica: visto che se ne occupa lei può aggiornarci sullo stato delle cose e come mai continuiamo ad avere disservizi in merito?
    Nessuna risposta


Interrogazioni da altri consiglieri:
Strade e buche.
R (Postiglioni): La Regione ha stanziato 400.000€ per la manutenzione straordinaria di questi giorni, altrettanti verranno spesi dal comune per alcune vie interne, mentre ad aprile verranno spesi 1.800.000€ per il rifacimento sempre da parte della Regione.


Nostro intervento: in merito alle strade intervengo chiedendo, visto che almeno su strada Foro Cassio si sono fatti dei canaletti di scolo sulle banchine facendo dei scassi nella terra, come mai non si procede a tipi di interventi preventivi come questi anche sulle altre strade, tipo strada del giardino dove c’era la piscina?
R (Costantini): Il marciapiede della Francigena senza scoli
Nostra replica: qualunque sia il problema qualche intervento è possibile.
R (Postiglioni): Concordo con il suggerimento.


Sanitas (Farmacia Tre Croci)
R (Postiglioni): L’attuale liquidatore si è dimesso, al suo posto è stato scelto Giovanni Lupattelli che a breve attiverà le procedure necessarie.


Situazione di Piazza Fantozzini.

R (Coppari): Devono essere chiamate le autorità preposte.

P.S. Seguici sul nostro nuovo canale Telegram

Dichiarazioni di voto Consiglio Comunale 28/12/2017

Di seguito gli argomenti trattati e le nostre dichiarazioni di voto durante il Consiglio Comunale del 28/12/2017


4. Ratifica deliberazione di Giunta Comunale n. 282 del 30.11.2017 avente ad oggetto: “12^ Variazione di bilancio 2017/2019”;

Voto favorevole.

5. Approvazione Piano Industriale Vetralla Servizi 2018/2020;

Vorremmo fare innanzitutto una considerazione sulle commissioni che si sono svolte per tale punto. La prima è stata convocata con parte della documentazione mancante e senza un referente della maggioranza che sapesse rispondere alle nostre domande dal punto di vista politico e senza l’amministratore della Vetralla Servizi per la parte tecnica.
Ciò ha comportato di dover convocare un’ulteriore commissione che si è svolta solamente ieri.
Prendiamo atto delle scuse dell’Assessore Postiglioni ma questo modus operandi, irrispettoso del ruolo istituzionale delle minoranze e del funzionamento dell’ente, non è la prima volta che si palesa, denota una disorganizzazione ed un approssimazione che disattende completamente le belle intenzioni che il Sindaco ha annunciato più volte parlando di tempi e partecipazione più collaborativi.
Dal punto di vista pratico, tale iter ha portato a una correzione continua degli atti, visto che abbiamo evidenziato errori di denominazione dei servizi o di riporto delle cifre nelle tabelle che, anche se non costituiscono un problema sostanziale, non sono ammissibili per dei documenti oggetto di delibera. Ne ritroviamo anche uno nella bozza di delibera stessa dove  tra le premesse si richiama la precedente DCC 46/2014 che approva il piano industriale precedente che va dal 2015 al 2019 e non al 2017 data di scadenza dei soli contratti dei servizi.
Analizziamo ora i contenuti: come già evidenziato in commissione il piano a nostro parere è carente di informazioni, chi lo leggesse per la prima volta, senza conoscere la Vetralla Servizi e i suoi compiti, non capirebbe niente. Le modifiche apportate, che siamo sicuri effettuate di concerto con i responsabili dei servizi e e nell’ottica di efficientamento, non sono messe a confronto con le soluzioni precedenti a dimostrarne l’efficacia e la coerenza delle scelte.
Non vi è un riepilogo storico delle cifre degli affidamenti precedenti con specifico dettaglio delle riduzioni e dei risparmi ottenuti.
Non è riportata neanche un’ipotesi di diversi scenari (analisi di sensitività) sullo sviluppo futuro della stessa società, in termini di sostenibilità di nuovi affidamenti dei servizi per la crescita necessaria del fatturato per rientrare nei parametri imposti dal cosiddetto decreto Madia.
Dichiariamo da subito un voto di astensione che però si rivolge più alla forma e al processo di formazione di questo atto come ho espresso in premessa, in quanto siamo comunque concordi nel proseguo da parte della Vetralla Servizi delle esecuzioni dei servizi in house che svolge e siamo sicuri che il lavoro di riorganizzazione ed efficientamento è in corso ma, sinceramente, ci aspettavamo un qualcosa in più.

giovedì 28 dicembre 2017

La maggioranza abbandona l’aula e blocca i lavori

Rispetto: “riconoscimento di una superiorità morale o sociale manifestato attraverso il proprio atteggiamento o comportamento”. Così cita il dizionario. La mancanza di rispetto invece è ciò che viene manifestato, fin dal suo insediamento, dall'amministrazione Coppari. Mancanza di rispetto verso l’istituzione comunale, verso chi ci lavora e di conseguenza verso i cittadini.


Chiunque abbia, per esempio, partecipato a una commissione pubblica o a un consiglio comunale avrà sicuramente notato il comportamento di alcune persone. C’è chi non si presenta affatto agli appuntamenti, chi viene ma senza conoscere gli argomenti trattati, chi risponde al telefono, senza nemmeno silenziare la suoneria, chi si reca negli uffici perché impreparato a rispondere alle domande, chi esce per parlare con i passanti.


Nell'ultimo consiglio svolto oggi, giovedì 28 si è riproposto il solito scenario. Parte degli assessori e consiglieri erano assenti, chi c’era non era in grado di rispondere alle domande, solite chiacchiere telefoniche e nei corridoi. La minoranza esausta da tali comportamenti è uscita dall'aula per alcuni minuti bloccando i lavori che sono ripresi dopo qualche battibecco.


Questo rimprovero però alla maggioranza non è piaciuto e, per pura ripicca, appena votato i propri punti all'ordine del giorno, prima di iniziare la discussione sulle nostre mozioni, ha abbandonato l’aula senza far più ritorno, lasciando sul posto per quasi un’ora la minoranza (tranne Bacocco che, come al solito, era già andato via anzitempo e Aquilani che non si è nemmeno presentato), il vice presidente del consiglio il segretario comunale e la segretaria generale, in una vana attesa.


Come dicevamo in premessa un comportamento infantile e irrispettoso del ruolo delle minoranze e del Consiglio Comunale, un atteggiamento volto solo a tentar di mascherare la loro inadeguatezza amministrativa.

MoVimento 5 Stelle Vetralla

P.S. Seguici sul nostro nuovo canale Telegram

mercoledì 27 dicembre 2017

Da tre anni attendiamo l’attuazione della Legge Regionale sull’acqua pubblica

Da tempo è in atto un tentativo di ripubblicizzazione del servizio idrico, con la quale gli amministratori pubblici devono prendersi la responsabilità di gestirlo ad esclusivo beneficio della popolazione e non scaricare i tanti problemi esistenti sui cittadini.
Ripubblicizzare non significa che i singoli Comuni si riprendono in carico da soli la gestione dell’intero servizio, bensì trovare la giusta formula di cooperazione tra più Comuni per garantire un servizio di qualità al costo più basso e non lasciare questo bene comune in mano ad aziende private che non mirano agli interessi delle persone ma basano le loro azioni sulla logica del profitto.

Nel Lazio, la strada già è stata tracciata, grazie ai cittadini stessi che si sono costituiti nel Forum dell’Acqua, nello specifico il coordinamento regionale acqua pubblica lazio, che scrissero, raccolsero le firme e fecero un costante pressing per la proposta di legge di iniziativa popolare “Tutela, governo e gestione pubblica delle acque” divenuta successivamente Legge Regionale ad aprile 2014 (L.R. n. 5/2014).

Ricordiamo che fu votata all'unanimità dall'aula, compresi gli stessi soggetti che oggi continuano a impedire che possa essere attuata.

Sono passati tre anni dall'approvazione della legge ma ancora mancano i passaggi finali nonostante le continue richieste dei cittadini e delle opposizioni.

Una totale incoerenza rispetto all'approvazione della legge probabilmente causata dal piano politico nazionale che vuole dare la gestione alle grandi aziende quotate in borsa ignorando completamente il volere popolare espresso con il referendum del 2011.

Per tale ragione presenteremo una mozione al prossimo Consiglio Comunale di Vetralla, dove chiederemo un impegno alla Giunta e al Sindaco Coppari di sollecitare il Presidente e la Giunta della Regione Lazio ad attuare la L.R. 4 aprile 2014.

P.S. Da oggi puoi seguirci anche sul nostro canale Telegram

sabato 23 dicembre 2017

Consiglio Comunale 28/12/2017 ore 9.30

Il Consiglio Comunale in seduta straordinaria, per le ore 9.30 del giorno 28/12/2017, presso la sala

consiliare del Comune, per la trattazione del seguente

ORDINE DEL GIORNO

1. Comunicazioni del Sindaco;

2. Lettura, approvazione verbali sedute precedenti;

3. Interrogazioni, mozioni e interpellanze;

4. Ratifica deliberazione di Giunta Comunale n. 282 del 30.11.2017 avente ad oggetto: “12^

Variazione di bilancio 2017/2019”;

5. Approvazione Piano Industriale Vetralla Servizi 2018/2020;

6. Mozione per l’adozione del Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA); (M5S)

7. Impegno per l’attuazione della Legge regionale 4 aprile 2014 n.5 “Tutela, governo e gestione

pubblica delle acque”; (M5S)

8. Mozione raccolta dichiarazioni di volontà sulla donazione degli organi e tessuti; (M5S)

9. Mozione Vuoto a Rendere (M5S)

venerdì 22 dicembre 2017

Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche

La qualità della vita che un paese è in grado di offrire ai propri cittadini, si misura anche dalla sua capacità di soddisfare una moltitudine di individui, venendo incontro alle esigenze di mobilità della collettività, con particolare attenzione alle utenze deboli fra cui i disabili.
Lo spazio urbano deve essere quindi in grado di accogliere, chiunque, indipendentemente dalle proprie condizioni permanenti o temporanee.

Le barriere architettoniche rappresentano una discriminazione per i soggetti con difficoltà motorie, visive o uditive.

I Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche o “PEBA” sono specifici strumenti di gestione e pianificazione urbanistica previsti dalla legge per garantire il diritto di mobilità e accessibilità, nonché il riconoscimento della dignità a tutti.

Nonostante l’obbligo di legge il Comune di Vetralla non ha ancora adottato tale Piano, fondamentale per garantire la sicurezza, l’autonomia, la non discriminazione delle fasce più deboli.

L’adozione del Piano inoltre può essere un’occasione imperdibile di collaborazione partecipata tra Amministrazione e cittadini. Esistono già molti strumenti, siti e app, per la segnalazione in caso di presenza di barriere, basterebbe adottarli e attivare la collaborazione di tutti i cittadini per la redazione di piani che rispondano davvero alle esigenze di accessibilità, mobilità e sicurezza nel nostro Comune.

Queste ragioni ci spingono a chiedere alla Giunta Coppari di impegnarsi a colmare questo vuoto normativo e pianificare quanto necessario per migliorare la qualità di vita ai cittadini disagiati.

Perché nessuno deve rimanere indietro.

MoVimento 5 Stelle Vetralla

martedì 19 dicembre 2017

In Italia sta tornando il “vuoto a rendere”

Grazie all’iniziativa del M5S nel nuovo regolamento del Ministero dell'Ambiente torna il "vuoto a rendere".
In Italia tale sistema era molto usato fino a 40 anni fa, poi con l'avvento della plastica tutto è cambiato. Oggi a causa dell'inquinamento e della difficoltosa gestione dei rifiuti sta tornando di grande utilità. In Germania, Norvegia, Danimarca e Finlandia è già una realtà da diversi anni.

In Italia il sistema sarà attivato in via sperimentale e su base volontaria del singolo esercente, a cui verrà data la possibilità di riutilizzare e poi restituire gli imballaggi contenenti birra o acqua minerale serviti al pubblico da alberghi, ristoranti, bar e altri punti di consumo.

Alcuni Comuni hanno deciso di dare il proprio contributo alla sperimentazione introducendo una riduzione  della TARI (a Pomezia ad esempio sarà del 30%) per tutti quegli esercenti e distributori che aderiranno alla sperimentazione del vuoto a rendere. Un incentivo che, da una parte incoraggia gli operatori ad entrare nella filiera, dall'altra premia chi svolge un’attività ricettiva nell'ottica della riduzione, prevenzione e riutilizzo dei rifiuti da imballaggio.

Nel nostro Comune la raccolta differenziata raggiunge percentuali ridicole, causate anche da continui ritardi e ripensamenti sull'attivazione di nuovi metodi di raccolta come, ad esempio, il porta a porta.
In attesa dell'attivazione del nuovo bando chiederemo al Sindaco Coppari di farsi promotore di questa nuova opportunità e di offrire sgravi fiscali agli esercenti che aderiranno al progetto.