domenica 29 maggio 2016

Festa di fine campagna elettorale con i Costa Volpara

Ci siamo!
Manca poco al fatidico giorno in cui avremo la possibilità, con il tratto di una matita, di cambiare il futuro di Vetralla.
Si voterà Domenica 5 Giugno dalle 7 alle 23. Sarà sufficiente tracciare una X sul simbolo e, chi vuole, potrà apporre una o due preferenze scrivendo il cognome del candidato preferito nell'apposito spazio. Nel caso dell’indicazione di due preferenze è importante scegliere due persone di differente sesso (una di sesso femminile ed una di sesso maschile).

Con l'occasione vogliamo ringraziare tutti i cittadini che ci hanno supportato, coloro che sono venuti ai nostri banchetti e ai vari eventi esercitando la partecipazione diretta alle scelte, ed anche quelli che sono venuti a conoscerci dal vivo, con l’intento di capire a fondo chi siamo e mostrarci l’interesse e l’attaccamento al loro Comune col riportarci le esigenze spicciole di vita quotidiana.

Ringraziamo anche gli esercizi pubblici come i bar che ci hanno ospitato per alcuni incontri e rivolgiamo un caloroso grazie a tutti i consiglieri, gli amministratori e tecnici che sono intervenuti negli eventi tematici

Al termine della campagna elettorale che ci ha visto impegnati vogliamo invitarvi Venerdì 3 Giugno alle 21.30 in Piazza a Cura.
Ospiti dell'evento il trio cantautorale Costa Volpara che renderà gradevoli le ultime ore prima della votazione con un concerto live.


#InsiemeSiPuò sognare una #Vetralla5Stelle

venerdì 27 maggio 2016

C'erano una volta i... santini

C'era una volta un signore che portava i pennarelli a scuola. Quel signore un giorno portò, al posto dei pennarelli, dei "santini" elettorali che finirono casualmente negli zaini dei bambini. Molti genitori ci rimasero male, pensando a una casualità e che la storia del signore dei pennarelli fosse solo una fantasia dei bimbi.

Poi venne il giorno della recita dove genitori felici potettero andare nei castelli e guardare i loro principi e principesse. Ma proprio sul più bello, la poesia della fine dell'anno scolastico venne rovinata dai faccioni di candidati sparsi qua e la nella scuola.

Che tristezza!

Auspichiamo che quei genitori abbiano attentamente guardato quei visi, quei nomi e quei simboli... per non votarli affatto.

Il rispetto verso la legalità e verso il prossimo, soprattutto se minore, si vede anche in questi piccoli gesti...

Alla ricerca della fermata perduta, un'avventura tra buche e parcheggio selvaggio

Abbiamo accolto volentieri l'invito di fare un giro sul’autobus urbano per le vie di Vetralla.
In una sola mattina abbiamo percorso tutto il territorio: Giradino, Tre Croci, Cura, La Botte, Mazzocchio, Pietrara, Fosso Grande, Le Prata, Cinelli, centro storico. Questi i punti serviti attualmente dal trasporto urbano.

Lungo il tragitto sono poche le paline presenti di cui molte irriconoscibili. Quasi tutte hanno lo spazio pubblicitario vuoto e non è citata né la ditta dei trasporti Gasbarri né simboli recanti il tipo di trasporto o il nome del comune.
Di quelle antiche, color arancione con scritto “Fermata”, ne è rimasta solo una in piazza a Tre Croci. Anni fa furono eliminate per sostituirle con quelle nuove ma il Comune, come accade spesso, non ha mai completato l’opera, anzi diaciamo che non l'ha nemmeno iniziata. Spesso capita che l’autobus si fermi un po’ a caso per venire incontro agli utenti che ignorano il luogo di sosta. Alcune di queste paline, come ad esempio nella strada che porta a Tre Croci sono divelte.
Nel percorso fino al Cinelli, Le Prata e Mazzocchio sono completamente assenti.
Le pensiline di attesa non esistono, così come gli spazi per accostare il mezzo per far scendere in sicurezza i passeggeri. Specialmente la fermata davanti al cimitero e Cura particolarmente pericolose.
Non esiste una fermata alla stazione del treno, e verso l’ASL è solo a richiesta.
Dal punto di vista urbanistico l’autobus, e l’autista, sono messi a dura prova, oltre che dal manto stradale, anche da alcune svolte strette, non segnalate agli altri utenti della strada, come su Via del Giardino, Via Blera, e la discesa da Piazza della Rocca.
A questo si aggiunge la completa maleducazione di molti automobilisti, che sostano nelle vicinanze di strettoie e incroci, come di Via Blera, Via della Pietà, Via Asmara, Piazza della Rocca rendendo le manovre complesse e generando traffico.
Non sono segnalate a terra le piazzole di sosta o del capolinea a Piazza della Rocca. Anche in questi casi le auto parcheggiate creano notevoli disagi.

Gli orari sono impossibili da rintracciare, su nessuna palina sono presenti.
La mancanza d’incentivo all’uso di questo servizio l’ha fatto invecchiare precocemente, non generando risorse economiche da reinvestire in azienda. Oggi è rimasto un solo mezzo che fa tutte le corse.
Il servizio è coperto da fondi regionali e dal pagamento di biglietti da 1€ a corsa.
Facendo questo viaggio si prende ancora più consapevolezza che sono numerose le proprietà abbandonate sia edifici che campi, per non parlare della completa mancanza di manutenzione di strade, marciapiedi, tombini, illuminazione pubblica ecc.

Il trasporto pubblico è essenziale per una buona qualità di vita. Usare il trasporto pubblico al posto di quello privato genera meno traffico, inquinamento e stress da parcheggio. Ma serve efficienza, informazione, manutenzione, coordinamento e dialogo tra cittadini. Istituzioni e azienda di autotrasporti. Tutto questo a Vetralla non c’è mai stato.

giovedì 26 maggio 2016

Un'alt(r)a idea di città - Video & Foto

Domenica scorsa presso Palazzo Zelli si è svolto un evento organizzato dal MoVimento 5 Stelle di Vetralla dal titolo: "Un'alt(r)a idea di città".

Hanno partecipato i consiglieri del M5S Fabio Rossi (Tuscania), Gianluca De Dominicis (Viterbo), Salvatore Pignalosa e Francesca Stefanutti (Pomezia).
Rossi e De Dominicis, entrambi eletti nei rispettivi consigli come forza di minoranza, hanno elencato tutti gli obiettivi raggiunti in questi anni. Il loro ruolo è stato quello di controllori, propositori e informatori verso i cittadini.
Questo a sottolineare quanto anche l'opposizione, se ben fatta, può portare a traguardi importanti.

Pomezia invece è una città amministrata dal M5S, con oltre 200 MILIONI di euro di debiti ereditati dal PD.
Salvatore e Francesca ci hanno spiegato che nel 2012, quando governava il PD, il bilancio si chiuse con una perdita di oltre 7 MILIONI di euro. Già nel 2013, con soli sei mesi di amministrazione pentastellata, sono riusciti a contenere le perdite a 4 MILIONI di euro.
Il 2014 è stato un anno a totale gestione M5S, con il risultato di +4 MILIONI di euro di avanzo di amministrazione.
Il tutto è frutto di una rivoluzione sugli appalti, bandi, regolamenti e numerose ottimizzazioni al bilancio. Ma non sono solo i numeri ad essere cambiati nella città di Pomezia. Miglioramento della raccolta dei rifiuti, interi quartieri coperti dall'acqua pubblica, nuove scuole ed asili e molto altro. Frutto di impegno e di collaborazione con la cittadinanza.

Successivamente la parola è stata presa dal sindaco di Corchiano Bengasi Battisti, seppur non del M5S è ormai un esempio di come, rendendo i cittadini protagonisti delle scelte amministrative, si possa ricreare quel senso di comunità. Una comunità che si impegni a salvaguardare i beni comuni per le generazioni future.

Ha chiuso la giornata Lorena Ciucci, candidato portavoce sindaco per Vetralla. Il suo è stata una sintesi del progamma che ha collegato i temi di tutti gli interventi dell'evento. Perché è possibile costruire un'altra città, più accogliente, più vivibile.


mercoledì 25 maggio 2016

Un applauso ai genitori del comitato mensa vetrallese

Per l'ennesima volta ci stringiamo attorno a quei genitori che si stanno impegnando non solo per i loro figli ma per il futuro di tutti. E' la seconda volta nell'arco di pochi mesi che i rappresentanti dei genitori del comitato ufficiale mensa hanno effettuato un sopralluogo nei locali cucine.

Dopo il primo sopralluogo e dopo aver fatto pressione all'amministrazione sono riusciti a ottenere il risultato di avvicinare il luogo di cottura da Civita Castellana a Viterbo. Un bel risultato. Meno Km, meno tempo e migliore qualità. Ma non è sufficiente. Zelli (all'epoca ancora Vice Sindaco prima di essere silurato) aveva promesso, per l'ennesima volta, che entro lo scorso settembre sarebbe riuscito ad aprire la cucina a Vetralla, purtroppo anche questo aspetto è da ascrivere ai numerosi fallimenti della Giunta Aquilani di cui spesso in questi mesi e anni vi abbiamo raccontato.

Del nuovo bando non c'è più traccia e ormai il tempo è finito. Sarà compito della nuova squadra amministrativa sbrogliare anche questa matassa. Noi del MoVimento 5 Stelle lo abbiamo scritto nero su bianco che l'apertura della mensa è una priorità nel nostro programma. Sarà facoltà dei genitori se continuare a credere ai vari Aquliani, Zelli, Gidari e compagnia che da decenni siedono in consiglio o se è giunto il momento di dare una svolta.

#InsiemeSiPuò mandarli a casa e sognare una #Vetralla5Stelle

lunedì 23 maggio 2016

La comunità scientifica internazionale a scuola da Aquilani e Zelli

A scopo puramente divulgativo illustriamo qui i metodi di intervento contro la processionaria
  1. Distruzione meccanica dei nidi
    La lotta meccanica consiste nel togliere manualmente dalla pianta infestata i nidi di processionaria. Tale operazione viene svolta solitamente in inverno, prima che le larve siano uscite dal nido, con l'ausilio di scale e troncarami; Tale metodo di intervento si rivela efficace, risulta conveniente se utilizzato su una superficie ristretta; in caso l'aerea di intervento sia più estesa, è indicata la lotta microbiologica.
  2. Lotta microbiologica
    La lotta microbiologica è attualmente il metodo di intervento più utilizzato e consiste nell'impiego dell'insetticida biologico Bacillus thuringiensis kurstaki (Btk).
    Il Bacillus thuringiensis è un batterio che, colpita una processionaria, paralizza la larva danneggiandone i centri nervosi. Tale insetticida colpisce solo alcuni lepidotteri, dunque non risulta pericoloso per la biodiversità della zona in cui il trattamento viene effettuato. Tale tipo di intervento è praticato dalle locali imprese di disinfestazione attrezzate contro la processionaria.
  3. Trappole ai feromoni (o ferormoni)
    I ferormoni sono sostanze chimiche rilasciate dalla femmina per attirare il maschio durante il periodo dell'accoppiamento.
    Disporre di trappole ai ferormoni può essere utile per monitorare la diffusione delle falene di processionaria e per confondere le falene maschio nella ricerca della femmina.
    Evitando l’incontro tra i sessi si evita la fecondazione e quindi la formazione di una nuova generazione di insetti defogliatori.
    Il periodo migliore per posizionare i diffusori di feromoni è il mese di giugno, quando riprendono gli sfarfallamenti degli adulti di processionaria.
    I feromoni sono sostanze innocue nei confronti dell’uomo e degli animali ed il loro impiego non ha alcun effetto sull'ambiente.
  4. Endoterapia
    Per endoterapia si intende il trattamento fitosanitario eseguito attraverso l’immissione di sostanze insetticide e/o fungicide direttamente all’interno del sistema vascolare della pianta.
    Attraverso il flusso traspiratorio la soluzione viene poi traslocata all’intera chioma dove esplica azione di protezione contro i patogeni per tutta la stagione.
    Tale tipo di intervento è praticato dalle locali imprese di disinfestazioni attrezzate contro la processionaria.
  5. Trappole meccaniche
    Negli ultimi anni sono state sviluppate da alcune aziende delle trappole speciali da disporsi sui tronchi dei pini infestati da processionaria. Il meccanismo d'azione sfrutta l'idea di poter invischiare il fastidioso insetto con della particolare colla durante la "processione" delle larve. Un prodotto efficace in tal senso è il nuovissimo PROCESTOP, brevettato in Italia.
  6. Soluzione drastica, ma definitiva, brevettato dall'amministrazione comunale di Vetralla
    Ultimo sistema, sicuramente il più efficace, brevettato dall'amministrazione comunale di Vetralla, consiste nel togliere l’alloggiamento alla processionaria, cioè tagliare la pianta dove il coleottero nidifica. Questa soluzione è stata sperimentata con successo nel cortile retrostante la scuola dell'infanzia di Mazzocchio. Riviste scientifiche e università di mezzo mondo sono interessate alla sensazionale scoperta, che potrebbe generare una vera e propria rivoluzione nell'ambito agroforestale.
Foto dalla pagina Facebook IC Piazza Marconi
Come cambia il paesaggio dopo la lotta alla processionaria
Non vedremo mai più un tramonto così

domenica 22 maggio 2016

Diamo un'occhiata al bilancio del Comune di vetralla

Analizzando il bilancio del Comune di Vetralla riguardante l'anno 2014, quello del 2015 ancora non è pronto, si nota che una delle maggiori difficoltà del Comune è quella della riscossione tributi e degli introiti derivanti dalle locazioni, sopratutto di terreni.

Vi sono molti residui attivi formati in epoche remote. Questo ha fatto si che il Comune sia dovuto ricorrere ad anticipazioni di cassa per 953.098,00€ con notevoli interessi passivi che ricadono sulle spalle di tutti i cittadini.
È evidente che serve una politica economica che presti più attenzione all'incasso dei crediti altrimenti, si rischia di mantenere in bilancio crediti che, di fatto, sono inesigibili. La tassa sui rifiuti urbani ne è un esempio pratico che è inserita tra i crediti di dubbia esigibilità per un importo di ben 575.796,00€ come ruolo ordinario e per 139.000,00€ relativi ad attività di accertamento. Stesso discorso per l'ICI: riscontriamo, infatti, un credito di 196.170,00€ relativo a tale tributo al ruolo ordinario e 130.00,00€ per attività di accertamento.

Il Comune di Vetralla ha goduto di un contributo dalla Provincia per incentivare la procedura della raccolta differenziata porta a porta e per la sistemazione delle isole ecologiche. Viene da chiedersi a che punto è la procedura e se sono stati acquistati beni.
Per quanto concerne il fondo cassa si nota immediatamente come lo stesso sia di 72.079,14€ nel 2012, di 348.865,00€ nel 2013 e addirittura pari a zero nel 2014.

Nei confronti della Talete, dopo essere stata intrapresa azione legale per il recupero delle somme dovute al Comune di Vetralla, veniva sottoscritto in data 07/08/2014 atto di transazione con il quale la Talete si impegnava a pagare la somma complessiva di 937.267,37€ in 60 rate a decorrere dal settembre 2014. Non si riesce ad evincere dai documenti in nostro possesso se la Talete stia eseguendo il pagamento delle rate con regolarità.

Per concludere aggiungiamo che il P.E.G. (piano esecutivo di gestione) del Comune di Vetralla, in confronto a quello di altri Comuni, è di difficile lettura e non sono riportati molti dettagli utili che renderebbero il tutto maggiormente trasparente.

Cambiare registro è indispensabile, un'attenta programmazione è fondamentale anche in funzione delle nuove regole di contabilità entrate a regime da quest'anno... Niente può essere più sprecato.

venerdì 20 maggio 2016

Candidati M5S Vetralla Giugno 2016

LORENA CIUCCI

Nata il 12/08/1987. Cresciuta a Vetralla dove frequento le scuole ed imparo e suono il clarinetto in MIb presso il complesso Bandistico O.Pistella per un quinquennio 1998/2003 .
Frequento l'istituto tecnico commerciale Paolo Savi (VT) dove conseguo la maturità come ragioniere perito commerciale e programmatore nel 2006.

Effettuo lavori occasionali per tutta l'età scolastica per poi iniziare a lavorare al pubblico stabilmente appena diplomata presso una tabaccheria fino a tutt'oggi a Viterbo. Questa esperienza lavorativa mi insegna ad ascoltare i bisogni delle persone e mi ha permesso di aiutarle a rapportarsi con le istituzioni comprendendo lo scollo totale che si è creato tra i cittadini. Decido di impegnarmi per cambiare e trovo un vero contenitore aggregativo semplice e pratico senza gerarchie ed etichette nel MoVimento 5 Stelle dove ognuno mette un po' di se.

Mi iscrivo a questo progetto nel 2010 spinta dalle partecipazione diretta alle scelte, all'auto organizzazione, i temi ambientali.
Da allora sono attivista per il mio territorio e in varie iniziative nella provincia. Cofondatrice del gruppo vetrallese ho approfondito varie tematiche legate all'amministrazione del territorio tra cui:
- seguo i lavori del forum italiano dei movimenti per l'acqua, partecipando anche all’iter per legge di iniziativa popolare regionale "TUTELA, GOVERNO E GESTIONE PUBBLICA DELLE ACQUE";
- referente per Viterbo per la raccolta firme per la legge di iniziativa popolare nazionale “quorum zero” nell’ottica di chi partecipa decide;
- seguo convegni formativi in materia delle acque a Roma presso la biblioteca del senato;
- mi occupo del problema dell'arsenico andando tra le altre cose a visitare la ditta produttrice del primo lotto di impianti dearsenificatori di Vetralla;
- sempre in materia di tutela delle acque approfondisco i contratti di Fiume;
- ad Aprile 2015 seguo il corso nazionale rifiuti zero a Capannori (LU);
- partecipo a lezioni/seminari con professori/tecnici per le materie di appalti pubblici e trasparenza degli atti amministrativi;
- frequento due corsi alla scuola di altra amministrazione presso i comuni Virtuosi.

Sempre appassionata di tutela territoriale, credo fermamente che il primo passo sia il buon esempio per questo partecipo ad iniziative di pulizie dei boschi e percorsi
e da tre anni organizzo con il gruppo Vetralla 5 Stelle il Clean Up Day a nel nostro Comune.

Intrattengo rapporti con tutti i gruppi territoriali della provincia perché una rete di persone cooperanti è una delle forze principali del M5S.
---

DIMITRI PIZZATI

Nato a Palermo nel 1976 ma vissuto da sempre a Vetralla, da circa due anni e mezzo lavoro come collaboratore Parlamentare alla Camera dei Deputati.
Dopo il 2018, data finale della legislatura e quindi del mio contratto, vorrei tornare a lavorare come "artigiano agricolo" nel mio paese. Il mio sogno è quello di condurre una piccola azienda agricola e di creare una filiera per la produzione di prodotti propri.
Sento che le mie radici sono profondamente legate al territorio vetrallese e della Tuscia, ed è per questo che voglio cambiare lo stato attuale delle cose in meglio e riportare Vetralla a essere il gioiello agricolo, artigianale e turistico che dovrebbe, per natura, essere.
Per fare tutto ciò, dobbiamo prima di tutto riprendere in mano le Istituzioni e attuare un altro indirizzo politico che non sia quello del consumo di suolo, dell'utilizzo errato delle risorse economiche, della gestione fallace dei servizi pubblici a iniziare dalla gestione dei rifiuti ma che sia quello della sostenibilità, del rispetto e dello sviluppo ecosostenibile del territorio.

---

BRENDAN CHIERCHIÈ

Nato a Brighton (U.K.) il 09/09/1977. Sono cresciuto a Roma fino all'età di 16 anni quando mi sono trasferito a Vetralla insieme a mio padre.
Sono un perito informatico, ho lavorato in diverse aziende a Roma, come TIM e HP, e attualmente, da oltre 10 anni, lavoro presso la Conto-Grpah Olivetti di Viterbo dove mi occupo di Digital Marketing.

Seguo il MoVimento fin dalla sua nascita, nel 2007 partecipai alla raccolta firme "Parlamento Pulito" durante il VDay, giorno in cui simbolicamente nacque il M5S.
Sono uno dei fondatori del "MeetUp" Vetralla 5 Stelle con l'obiettivo di diffondere la filosofia e le informazioni del MoVimento nella mia città e partecipare alle elezioni.
Dopo anni di studio, fatica, impegno in diverse campagne, nazionali, regionali, locali, sia per le elezioni che per altri temi di interesse pubblico (arsenico, azzardopatia, acqua pubblica ecc) sono candidato come consigliere comunale per le prossime elezioni del 5 Giugno 2016 insieme a degli splendidi colleghi e compagni di viaggio.

---

BIAGIO ZACCARO

Nato a Roma il 17/05/1958 cittadino vetrallese oramai dal 1985. Ho iniziate le scuole superiori, ma poi le ho lasciate in quanto all'età di 17 anni mi sono arruolato in Aeronautica nel ruolo dei Sottufficiali. Ho indossato la divisa per ben 36 anni durante i quali ho ricoperto diversi incarichi, prima come istruttore, poi in vari uffici della Scuola Marescialli per poi dedicarmi, negli ultimi anni all'organizzazione dell'attività sportiva del Reparto. Lo sport è stato per me un alleato prezioso nei momenti più difficili della mia vita. Ho giocato a calcio fino all'età di 41 anni, dove ho ricoperto anche il doppio ruolo di allenatore-giocatore. Ancora oggi mi diverto ad allenare i ragazzi della scuola calcio con grandi soddisfazioni; ultimamente ho collaborato anche con il gruppo dell'Atletica Vetralla prima come dirigente poi come tecnico e responsabile del settore Master, poi per motivi familiari ho dovuto interrompere questa bella collaborazione. Ora una nuova avventura che spero, insieme ai miei colleghi di lista, di coronare con un successo utile a riportate Vetralla a essere una grande realtà della provincia viterbese.

---

LILIA LADI

Nata a Vetralla 11/02/1976. Svolgo la professione di avvocato presso il foro di Viterbo dal 2007, anno in cui formalmente mi sono iscritta all'albo degli avvocati di Viterbo.
Sono una persona determinata e precisa, non amo mettermi su un piedistallo, pertanto non voglio essere considerata come un “politico”, ma una vostra portavoce presso le istituzioni.
Sono fermamente convinta che la legge sia uguale per tutti e che sopratutto le persone più deboli debbano essere aiutate. Penso che il lavoro dell'avvocato sia quello di essere al servizio dei cittadini.
Fortemente ispirata da questi principi è scattato in me il desiderio e la volontà di trasferire la mia esperienza professionale in politica per essere di aiuto a TUTTI, nessuno escluso; ho deciso così quest'anno, di entrare a far parte del MoVimento 5 Stelle di Vetralla.
Il mio compito principale sarà quello di lavorare per l’interesse del nostro territorio cercando di risolvere tante problematiche che affliggono il nostro Comune portando avanti il nostro programma e rispettando il patto con i cittadini.

---

REMO RISOLDI

Nato a Viterbo il 04/06/1991. Vivo da sempre a Cura di Vetralla dove grazie al negozio dei miei nonni sono riuscito ad imparare le difficoltà di come una piccola attività possa sopravvivere in questo mondo dove i primi ostacoli che si incontrano sono da parte di uno stato che non ti aiuta e tutela. Da subito sono riuscito a relazionarmi e dialogare con le persone e soprattutto ad ascoltare tutte le problematiche della gente e del nostro Comune, ho visto "politici"(gli stessi di ora) chiedere voti e non dare soluzioni finché nel 2012 ho detto "basta!". Mi sono posto un obbiettivo e grazie al Movimento 5 Stelle ho potuto iniziare a realizzare questa voglia di cambiamento ed a studiare soluzioni concrete e attuabili per la collettività. Abbiamo portato avanti molte lotte con il nostro gruppo ricevendo anche buoni risultati pur essendo esterni. Molte cose si possono fare e dobbiamo farle insieme. Io non sono qui a chiedervi voti, ma vi chiedo partecipazione e collaborazione. Ho una frase che cito spesso e che credo sia fondamentale per me. "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" ( Gandhi )

Il 5 Giugno ce la possiamo fare #InsiemeSiPuò

---

ALFREDO ONOFRI

Nato ad Anagni (FR) il 21/10/1974 sottufficiale dell'Aviazione dell'Esercito dal 1994, coniugato dal 12/10/2002 con due figli, vivo a Vetralla dal 2002.
Ho conseguito il Diploma di Laurea in Scienze Organizzative e Gestionali, due Master di I livello con la massima votazione ed ho conseguito la Laurea in Giurisprudenza.
Durante uno dei miei periodi all'estero nel 2011 vengo in contatto con Lorena e Brendan due precursori del M5S di Vetralla, gli unici a darmi notizie reali circa i vari problemi che in quegli anni avevamo nel nostro comune, problemi che ciclicamente si ripresentano. Al mio rientro ho voluto conoscerli personalmente ed ho iniziato il mio percorso nel MoVimento 5 Stelle Vetralla, diventandone co-fondatore. In questi 5 anni passati le persone sono aumentate e siamo diventati un gruppo solido, dove ognuno di noi è pronto a collaborare con l'altro per riuscire finalmente a creare un'alternativa ad una situazione politica diventata insostenibile.

---

VALENTINA SPOSETTI

Nata a Roma il 05/10/1983. Diploma di tecnico della gestione aziendale. Qualifica tecnico di marketing 3° livello, P.R. e manager musicale, presidente associazione Fight for Love (anti-violenza e anti-bullismo) , responsabile sindacale donne nel commercio USB Viterbo. Istruttrice di kickboxing con corsi destinati al pubblico femminile e ai bambini.
Da sempre opero contro ogni sopruso, odio la violenza in ogni suo genere, la corruzione e il nepotismo. Da quando ho cominciato a muovermi per il sociale, aiutando donne vittime di violenze di ogni tipo, da quelle fisiche a quelle psicologiche, ho capito che non sono solo le donne a essere vittime di soprusi perseguibili; ecco come è nata la mia decisione di creare un'associazione ANTI-VIOLENZA. Portare le mie capacità di ascolto e aiuto nei servizi sociali di Vetralla sarebbe magnifico.
Il mio motto è "se qualcosa non va bene, stare seduti a guardare non cambia nulla, rimboccarsi le maniche e alzarsi, sì!"

---

GIUSEPPE RONZELLO

Ho 59 anni. Ho frequentato la scuola tecnica diplomandomi in chimica industriale.
Sono nato a Roma ma residente nella Tuscia da 11 anni, sono sposato e padre di due figlie.
Nel viterbese ho abitato a Villa San Giovanni in Tuscia e poi sono venuto a vivere qui a Vetralla.
Nel cambiare residenza ho notato una grande differenza tra la vita sociale e organizzativa dei due paesi che geograficamente sono limitrofi,
Questo mi ha spinto a trovare nuove soluzioni per Vetralla, questa ricerca mi ha avvicinato al MoVimento 5 Stelle.
Nel movimento ho trovato alcuni “ragazzi” (vista la mia età), pieni di iniziative e proposte che mi hanno convinto ad iniziare un percorso politico insieme, nella speranza di riuscire a dare una nuova impronta a questa cittadina con immense potenzialità, ma abbandonata completamente a se stessa.

---

SONIA CACCIA

Nata a Roma il 08/03/1983 ho 33 anni e mamma di un bimbo di 6. Sono diplomata come dirigente di comunità e laureata in psicologia del lavoro e della organizzazioni. Ho avuto un'attività commerciale per due anni. Attualmente collaboro a titolo volontario con la cooperativa sociale come facilitatrice di gruppo con bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Faccio parte del MoVimento 5 Stelle di Vetralla dal 2012. Mi è sempre interessata la politica per la sua influenza nella vita quotidiana, sono entrata in questo gruppo proprio per cambiare molti aspetti della vita e perché sogno un mondo più equo e non più inquinato per il futuro di mio figlio. Mi piacerebbe diffondere la consapevolezza che questa terra non è nostra ma delle future generazioni che l'abiteranno.

---


GIANCARLO LUCREZIOTTI

Nato a Viterbo il 07/10/1981, cresciuto a Vetralla, diplomato alla scuola professionale come Tecnico dei Sistemi Energetici e frequentato corsi per meccanica applicata, computer e sistemi di sicurezza.
Finita la scuola ho lavorato come assemblatore di computer, impiegato amministrativo ed infine per una ditta di impianti di sicurezza.
Seguo il MoVimento fin dalla sua nascita e ormai da svariato tempo ne faccio parte attivamente, non sopporto gli sprechi e cerco sempre la soluzione adatta caso per caso.
Credo che la collaborazione di tutti i cittadini sia fondamentale, singolarmente siamo persone, tutti insieme siamo un paese.

---


ITALO GALLI

Nato a Viterbo il 03/03/1977. Ingegnere meccanico, ieri test driver soggettivo Goodyear Dunlop, oggi agricoltore. Faccio parte di quella numerosa fetta che reclama i servizi perché non è ai servigi: il potentato vetrallese non mi stipendia ogni mese. Ricerco il decoro per il mio lavoro: buca su buca, il povero turista finisce dal gommista. Cosi si dimenticano patrimoni archeologici e naturali, i paesaggi di Vetralla senza eguali. Riscopriamo i patrimoni e facciamo sana agricoltura: è con questo che Vetralla fa la sua figura.

---


PIERO TOGNI

Nato a Lanciano (CH) il 23/01/1952. Sono residente a Vetralla da pochi mesi, provenendo da Roma. Sono perito in chimica industriale e mi sono iscritto al DAMS di Bologna dopo aver intuito che il mio lavoro e la mia passione erano dedicati al giornalismo e alla fotografia dello spettacolo. Ho pubblicato su numerosi periodici nazionali ed esteri servizi su personaggi della musica, cinema e teatro, sono anche autore di molte copertine discografiche e di settimanali editoriali. Ho lavorato nella direzione centrale di Trenitalia come Quadro Professional Marketing e vendita, sviluppando rapporti commerciali nel business dei treni charter e nei programmi di fidelizzazione, in contatto con tour operator e settori turistici nazionali ed internazionali. Mi presento come candidato consigliere e condivido l'entusiasmo e l'energia dei miei colleghi nel MoVimento 5 Stelle, proponendo attività culturale e sviluppo turistico, necessario per il rilancio di Vetralla, città attraente per la sua storia e la sua natura.

---

MARCO LOCCI

Nato ad Abbadia San Salvatore il 06 settembre 1975.
Dall'età di 15 anni svolgo la professione di falegname, da poco anche quella di allevatore di ovini. Appassionato di allevamenti e agricolture. Maestro di kickboxing e k1, sport praticati da più di 20 anni. Odio i soprusi in ogni loro ambito e chi si approfitta dei più deboli. Ho sempre pensato che per cambiare tutto ciò che non va bisogna impegnarsi, ecco perché sono entrato nel M5S pur non essendomi mai occupato di politica. È arrivato il momento in cui il potere va dato a chi spetta realmente: al popolo!

---


HANNA ANISIMOVA

Gli amici mi chiamano Olga e sono nata in Ucraina il 24/03/1961.

Vivo in Italia dal 1998 e ne sono diventata orgogliosamente cittadina da diversi anni. Sono sposata e mamma di due figlie.
Ho studiato presso un istituto di merciologia degli alimenti e manufatti, le scuole in Unione Sovietica erano diverse dalle nostre, dopo il diploma con lode ho iniziato a lavorare in varie aziende occupandomi di contabilità del magazzino e di risorse umane.
Mi sono avvicinata alla politica per un senso di appartenenza al nostro motto, “Nessuno deve rimanere indietro”. Sono fermamente convinta che la politica non costituisca un lavoro, ma un modo di servire in una società di cui tutti facciamo parte.

---

ANGELA MARIA MASSINI

Ho 56 anni di cui 33 vissuti qui a Vetralla. Il rispetto degli animali e della natura sono una delle mie priorità, tanto da essere divenuta il presidente dell'associazione Garibaldi Onlus, che si occupa del benessere di alcuni cani abbandonati.
Nella mia attività mi sono imbattuta nei meandri della burocrazia, che osteggiano il modo di svolgere volontariato per un servizio che alle casse comunali costa svariate migliaia di euro e che non riescono a rimanere sul territorio; sarebbe bello che ogni realtà locale si dotasse di mezzi indonei a risolvere il problema del randagismo.
I miei sogni nel cassetto sono solo 2: il primo riuscire a unificare e dare un futuro ai circa 80 cani vetrallesi oggi ospitati in strutture fuori da nostro comune, mentre l'altro è quello di poter fare quanto serve alla nostra cittadina insieme a tutti i cittadini. Insieme si può.

Incontro con i residenti di Cura e La Botte

Ieri il M5S di Vetralla ha incontrato i cittadini residenti nelle frazioni di Cura e La Botte.
Un incontro interessante e proficuo. I temi trattati sono stati quelli della viabilità, tra buche, erba che copre la segnaletica ed eccessi di velocità, anche nelle vie interne come S. Angelo. Abbiamo discusso della mancanza di decoro e di rifiuti con i cassonetti sempre riempiti dai residenti di Blera e Villa S. Giovanni. Ma anche di diserbanti e insetticidi usati dagli agricoltori sui numerosi campi di nocciole che crescono a dismisura anche nelle vicinanze delle case.

Questi solo alcuni dei temi trattati, ciò che è emerso in particolar modo è la mancanza di coinvolgimento dei cittadini e di trasparenza da parte dell'attuale giunta Aquilani. La vera novità è stata quella di trovare un movimento politico pronto all'ascolto. E noi questo impegno di coinvolgere e ascoltare lo porteremo avanti così come abbiamo fatto in questi anni di preparazione.

#InsiemeSiPuò mandarli a casa e sognare una #Vetralla5Stelle

mercoledì 18 maggio 2016

Come dei RE Mida al contrario tutto ciò che toccano diventa...

Vi invitiamo a leggere la visura camerale della SanitasS.r.l. (per chi non lo sapesse è la società che gestiva la Farmacia, fallita, a Tre Croci), dove troverete tanti personaggi noti e che sono di nuovo candidati nelle liste presentate per le prossime elezioni comunali.
La dimostrazione pratica della capacità di affossare tutto ciò che "toccano" l'hanno già ampiamente dimostrata.

Possiamo solo sperare che la Procura porti fino in fondo la questione in tempi brevi, visto che nei particolari dell'esposto viene chiesta l'individuazione di tutti gli attori che hanno creato questa perdita per l'amministrazione. Praticamente tutti quelli che si sono susseguiti tra amministratori, consiglieri comunali, commissario prefettizio e così via, che potevano sapere e non sono intervenuti. La giustizia deve essere fatta per tutti.

Vi consigliamo di leggere nella prima pagina l'oggetto sociale, così come ci è stato indicato da una cittadina, per capire appieno le potenzialità che potesse avere questa società partecipata se ben gestita. Poteva racchiudere molti servizi oggi spezzettati, poteva essere espansa, trasformata e valorizzata verso formazione e servizi sociali.
Questo a conferma che o non si è voluto o non si è saputo gestire.

L'attuale liquidatrice, è candidato come Sindaco a Vitorchiano (VT) in una lista collegata a Forza Italia, lo stesso partito del duo Aquilani e Bacocco. Sarà un caso?

L'unica certezza è che, ad oggi, è ancora tutto fermo.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA VISURA

Situazione arsenico Vetralla Maggio 2016

Il Sindaco Aquilani afferma che bisogna informare correttamente i cittadini e non procurare allarme sulla questione arsenico, che non esistono criticità e che è tutto pubblicato sul sito del Comune.

La realtà è ben diversa. I dati presenti sul sito del Comune di Vetralla sono fermi al 2014, quelli sul sito della Talete al 2015. I dati aggiornati a Maggio presenti sul sito dell'a ASL di Viterbo, secondo le analisi condotte dall’Agenzia Regionale Protezione Ambientale del Lazio (ARPA Lazio), indicano che ci sono 10 campioni, sui 16 prelevati in varie zone, sopra la soglia consentita: http://www.asl.vt.it/Cittadino/arsenico/localita.php?ms=vetralla

Ricordiamo a tutti i cittadini che è ancora in vigore l'ordinanza nr 116/12 del 03/12/2013 che dice che per acque con presenza di arsenico tra μg 10 e μg 20 per litro Divieto d'uso potabile o Divieto d'uso per cottura, reidratazione e ricostituzione di alimenti o Divieto d'uso per preparazione di alimenti e bevande (escluso lavaggio frutta e verdura sotto flusso d'acqua uttilizzando acqua potabile per l'ultimo risciacquo) o Divieto d'uso per pratiche di igiene personale
che comportino ingestione anche limitata di acqua (lavaggio denti e cavo orale) - Consentito uso dell'acqua per l'igiene
personale (es. doccia) tranne nei casi di presenza di specifiche patologie cutanee (eczema, patologie cutanee a rischio anche di
tipo evolutivo o degenerativo) O DIVIETO DI IMPIEGO DA PARTE DELLE IMPRESE ALIMENTARI

"Informare correttamente i cittadini" è l'unica cosa corretta detta da aquilani...

Un'alt(r)a idea di città

Domenica 22 Maggio alle ore 16.30 presso la sala Palazzo Zelli in Via Scriattoli nel centro storico di Vetralla si svolgerà un incontro con cittadini dal titolo: Un'alt(r)a idea di città.

Parteciperanno i consiglieri comunali del MoVimento 5 Stelle Fabio Rossi (Tuscania), Gianluca De Dominicis (Viterbo), Salvatore Pignalosa e Francesca Stefanutti (Pomezia), il candidato sindaco per Vetralla Lorena Ciucci e la partecipazione speciale del sindaco di Corchiano Bengasi Battisti.

Insieme discuteremo sulle buone, e virtuose, pratiche per amministrare un Comune mettendo al centro le reali esigenze del cittadino, salvaguardando gli aspetti ambientali, sociali ed economici.

Le comunità autonome e autosufficienti sono la risposta migliore ai danni causati dalla globalizzazione, l'agricoltura a Km0, il riuso e riciclo dei materiali, la riscoperta delle tipicità e delle peculiarità del territorio gli strumenti per un futuro sostenibile.

Perché insieme si può trovare un'altra ma soprattutto un'alta idea di città.

lunedì 16 maggio 2016

M5S Vetralla incontra Cura e La Botte

GIOVEDÌ 19 MAGGIO ORE 21.00 BLU BAR VIA S. ANGELO

Dopo l'evento organizzato nel centro storico alcuni giorni fà, M5S Vetralla questa volta incontra i cittadini e commercianti delle zone di Cura e La Botte per conoscere il punto di vista di chi ci vive e ci lavora tutti i giorni.

Ascolteremo le vostre idee, i vostri problemi ed i vostri suggerimenti.

domenica 15 maggio 2016

PuliAMO La Via Francigena 2016

Per il terzo anno consecutivo Vetralla 5 Stelle ha aderito alla Giornata Europea contro i rifiuti abbandonati: Let's Clean Up Europe.

Dopo aver organizzato negli scorsi anni nelle zone di Grotta Porcina e Monte Fogliano quest'anno abbiamo deciso di focalizzare i nostri sforzi sulla Via Francigena, luogo simbolo della rinascita turistica del nostro paese.

Purtroppo l'inciviltà di alcune persone creano un danno alla collettività. Ci siamo concentrati nelle grotte vicino alla zona "Selvarella", il biglietto da visita per i pellegrini che giungono nel nostro paese. Tali grotte sono piene di rifiuti. Purtroppo dopo aver dialogato con Forestale e ufficio tecnico del Comune siamo stati autorizzati a svuotare solo alcune grotte, in quanto su altre ci sono procedimenti in corso.

Abbiamo raccolto oltre 600 kg di materiale tra vetro, plastica, legno, metalli, ingombranti ecc.
Ma c'è ancora tanto lavoro da fare e soprattutto un progetto per chiudere l'accesso lasciando la possibilità di visionare dall'esterno. Alcune grotte sono particolarmente affascinanti e grandi, probabilmente usate fin dai tempi degli etruschi.

Il prossimo anno speriamo di poter organizzare questa giornata con il patrocinio del Comune se i cittadini ci sceglieranno alle prossime elezioni comunali del 5 Giugno.


Created with flickr slideshow.


giovedì 12 maggio 2016

Spendere soldi pubblici per ottenere voti

Apprendiamo dall'ordinanza del Sindaco Aquilani la volontà di risolvere il problema di viabilità in via Aldo Moro.
Da notare che l'ordinanza datata 11/05 arriva dopo le relazioni dell'ufficio tecnico e della Polizia di Vetralla sono rispettivamente del 10/05 e del 09/05.
Questo dimostra che, quando serve, la macchina burocratica è veloce.
A che cosa serve essere così veloci oggi? E soprattutto a cosa serve spendere 55 mila euro che, a mala pena, possono essere sufficienti a mettere un sottile strato di bitume, se non a usare soldi pubblici, soldi nostri, soldi delle nostre tasse per racimolare qualche voto!

Esattamente come tutti i lavori che si stanno eseguendo nel nostro Comune in queste settimane: strade rinnovate, segnaletica orizzontale (che dopo pochi giorni sparisce come "inchiostro simpatico"), aiuole fiorite, paletti pedonali e molto altro. Il tutto, senza un minimo di programmazione, o cognizione di causa e di qualità discutibile.
Per esempio sotto i paletti installati nei pressi dell'Eurospin passano le condutture dell'acqua, cosa succederà a quei paletti in caso di manutenzione delle tubature?

Torniamo alla questione "Via Aldo Moro", in particolar modo nel tratto iniziale, dove dei pini presenti su strada privata danneggiano quella pubblica.
Il problema non può essere risolto così, senza agire sulle cause, ossia sulle radici degli alberi che provocano il dissesto.
Se fossimo noi del MoVimento 5 Stelle ad amministrare sceglieremmo soluzioni alternative sperimentate da anni con successo negli Stati Uniti e nel nord Europa. Soluzioni che permettono di prevenire e attenuare il problema delle radici emergenti. In alcuni casi si usano tessuti geotessili, imbevuti di principi diserbanti posti sotto l'asfalto e ai lati della buca d'impianto per fermare lo sviluppo orizzontale delle radici.
Si può pensare di creare sotto lo asfalto uno strato isolante di sabbia e pietrisco, ostile alla loro crescita. Si può valutare se rialzare leggermente il piano stradale e ricorrere a pavimentazioni fatte di materiali porosi e autobloccanti.
La tutela del patrimonio arboreo cittadino può diventare l'occasione per una riprogettazione degli spazi che tenga conto della presenza degli alberi e tragga beneficio dal valore aggiunto che offrono. Serve una visione, una progettazione a lungo termine un obiettivo finale che non è quello di vincere le elezioni, ma di far rinascere Vetralla.


Purtroppo chiunque si troverà a dover amministrare dal 6 Giugno avrà 55 mila euro in meno, che si vanno ad aggiungere all'infinito buco nero dei conti Comunali, per risolvere seriamente e in maniera duratura i problemi di questo paese.

lunedì 9 maggio 2016

PuliAMO la Via Francigena - Let's Clean Up Europe 2016

Per il terzo anno consecutivo Vetralla 5 Stelle partecipa alla Giornata Europea contro i rifiuti abbandonati.

Dopo aver organizzato negli scorsi anni nelle zone di Grotta Porcina e Monte Fogliano quest'anno abbiamo deciso di focalizzare i nostri sforzi sulla Via Francigena, luogo simbolo della rinascita turistica del nostro paese.

DOMENICA 15 MAGGIO ore 9.30 - Partenza da Piazza S. Severo (ex Mattatoio) Vetralla
Raccoglieremo i rifiuti durante la passeggiata lungo la Via Francigena. Cittadini, associazioni, volontari... siete tutti invitati!

Per info e conferma: Cell./ WhatsApp: 366/22.94.865 Email: vetralla5stelle@gmail.com

Approfondimento programma: piano urbanistico

Il presente documento di politica territoriale del M5S affronta e tenta di risolvere, in modo non usuale e sicuramente non esaustivo, un tema concreto, quello relativo alla risistemazione urbanistica del territorio della città di Vetralla. Lo facciamo senza avere intenzione, in questa sede, di riscrivere il P.R.G. (Piano Regolatore Generale) o il R.E. (Regolamento Edilizio), ma stabilendo dei principi informatori che, una volta discussi con la popolazione ed approvati dal Consiglio Comunale, informeranno l’azione politica del Movimento 5 Stelle di Vetralla nella futura partecipazione alle attività comunali dopo le elezioni della primavera 2016.

Secondo il rapporto ISTAT 2008 ed EUROSTAT 2009, il 7% del territorio italiano è cementificato (con esclusione di strade, cave e discariche). È la stessa percentuale di Regno Unito e Germania, ma si colloca tre punti sopra la media europea. In Lombardia ad esempio, nel 2010 il 14% del territorio (stavolta incluse le reti stradali e infrastrutturali) è urbanizzato, oltre il 20% in provincia di Brescia.

Il Movimento 5 Stelle di Vetralla è partito da qualche considerazione di principio, successivamente integrata da analisi attente alle esigenze delle popolazioni ed abbiamo concluso producendo questo documento programmatico con le prospettive tendenti a migliorare l’ambiente cittadino nel modo il più ecologicamente sostenibile e razionalmente concepito, per lo svolgimento di ogni tipo di attività.

Su tutto svetta la nostra convinzione che il suolo, ogni tipo di suolo, quello urbanizzato, quello agricolo, o il terreno destinato alle infrastrutture sia una risorsa molto limitata che deve essere trattata con estrema oculatezza e parsimonia derivanti dalla certezza che una volta terminato il suo utilizzo, quindi nuovamente (la risorsa) resa “disponibile”, si dovranno utilizzare ingenti impegni umani ed economici per il suo razionale riutilizzo, quando possibile.

Le trasformazioni del territorio sono relative:
  • ai consumi energetici;
  • ai cambiamenti climatici;
  • alla scarsità delle risorse;
  • alla compromissione degli ecosistemi;
  • al depauperamento del paesaggio;
e quelli appena elencati sono solo alcuni degli elementi che il Movimento Vetralla 5 Stelle intende proporre all’attenzione ed alla valutazione del cittadino-elettore comunale, per sollecitare discussioni e valutare opportune e conseguenti deliberazioni.

Altro concetto basilare dell’azione amministrativa futura del Movimento 5 stelle di Vetralla è il salvataggio del suolo agricolo dalla cementificazione, poiché si ritiene che il suolo fortemente trasformato in superficie di “calpestio” produca danni difficilmente quantificabili in termini economici.

La specificità italiana è costituita anche da piccole città, come Vetralla, che costituiscono luoghi di grande interesse storico, culturale, produttivo, nonché turistico e queste aree, apparentemente marginali, possono essere facilmente rilevate anche a ridosso delle cosiddette aree forti, ad esempio la Toscana, l’Emilia, la Lombardia nelle quali vivono molte persone, si muovono merci, si agitano fermenti culturali.

Un’altra considerazione è la seguente: la città di Vetralla nel suo complesso, come tutte le città del mondo, non è una “categoria dello spirito” e neppure un organismo unitario, se vogliamo essere aderenti alla realtà dovremmo invece paragonarla ad un complesso “puzzle” fondato:
  • su flussi ininterrotti di persone, di idee e di merci;
  • sui rapporti che intercorrono tra questi flussi e i diversi luoghi in cui essi si svolgono. 
Inoltre occorre non dimenticare che Vetralla non è posta in una landa desertica ed isolata, ma è organicamente inserita in una rete socioculturale che la vede tra le protagoniste in un territorio che ha urgente necessità di riqualificazione e di caratterizzazione per trasformarsi armonicamente al fine di agevolare le attività umane delle popolazioni residenti.

A sostegno di quelli che abbiamo definito “nostri principi” abbiamo allegato tre riproduzioni cartografiche relative:

(fig 8.1) alle superfici edificate italiane (dato del 2011) in cui sono evidenziate in colore blu le zone con indice di incidenza percentuale superiore alla media nazionale del 6,72%. C’è da precisare che già nel 2012 la quota di territorio italiano con copertura artificiale è stimata pari al 7,3% del totale, contro il 4,3% della media Ue23. L’Italia si colloca così al quarto posto di questa classifica dopo i Paesi Bassi (13,2%), il Belgio (9,8%), il Lussemburgo (7,4%), e immediatamente sopra Germania e Regno Unito (6,8% e 6,7%, rispettivamente). L’incidenza della copertura artificiale è strettamente collegata alla densità demografica, che nel nostro Paese è pari a 204 abitanti per Km2, contro un valore medio UE23 di circa 120. Per valutare appieno questo aspetto, è possibile stimare la quota attesa di copertura artificiale sulla base della densità demografica nei 23 Paesi Ue oggetto dell’indagine : nel caso dell’Italia, si avrebbe un valore teorico pari al 6,4%, di un punto inferiore a quello rilevato. (Audizione del Presidente dell’Istituto nazionale di statistica Enrico Giovannini del 18 gennaio 2012 della Commissione XIII “Territorio, Ambiente e Beni ambientali” del Senato della Repubblica).

L’immagine seguente (fig. 9) riguarda l’incremento percentuale di consumo di suolo rispetto all’8,77% media nazionale. In blu sono indicate le zone che superano percentualmente la media nazionale ed è macroscopico rilevare che la zona della regione Lazio, soprattutto nella sua parte superiore (nord) ha una prevalenza di zone colorate in blu.

Il terzo elaborato (fig. 2) evidenzia visivamente la copertura del suolo in provincia di Viterbo.


Negli incontri con i cittadini interessati, per l’illustrazione delle proposte modificative si utilizzerà il punto di vista delle trasformazioni territoriali combinando:
  • dati storici;
  • dati fenomenologici;
  • cause (sociali, economiche, tecniche);
  • le possibili prospettive;
  • sollecitando le risposte a tutta una serie di quesiti.
Perché le tematiche ambientali, che assumono ogni giorno maggiore rilevanza e spazio sui media, non sempre incrociano efficacemente le pratiche di pianificazione e governo del territorio messe in atto dalle amministrazioni locali?

Nella pianificazione territoriale si evita quasi sempre la valutazione del “ciclo” che porta dalle trasformazioni di destinazione d’uso dei suoli, alla necessità di infrastrutturazione (e relativa manutenzione), al consumo energetico, alla produzione dei rifiuti etc, noi faremo un quadro il più possibile completo della situazione esistente.

Il piano urbanistico, come genericamente inteso fino ad oggi, non solo non ha protetto le popolazioni residenti dai rischi ambientali, ma in alcuni casi ha determinato nuove condizioni di rischio che si palesano solo in occasione degli eventi rari (alluvioni, terremoti, etc.)

Il piano urbanistico in vigore non ha saputo (o voluto?) contrastare gli sviluppi disordinati che contraddicono il termine stesso “regolatore” usato per il piano. Fino a non molto tempo fa, infatti questo strumento urbanistico non ha impedito la costruzione in aree sensibili dal punto di vista ambientale, (extraurbano) ignorando spesso l’importanza del territorio extraurbano e quello destinato alle produzioni agricole.


Dal diagramma precedente si rileva (in ambito nazionale) l’incremento dell’urbanizzazione, che era pari a 100 nel 1951 e nel 2008 aveva triplicato il suo range, mentre la popolazione, sempre facendo 100 il dato del 1951, nel 2008 era giunto a 140, questo ci lascia comprendere che l’occupazione del suolo è nettamente maggiore delle esigenze derivanti dall’aumento della popolazione per cui ne discende l’ovvia conclusione che le politiche urbanistiche, nel nostro paese, hanno favorito la speculazione edilizia e finanziaria.

I PAESI AD ELEVATO REDDITO HANNO UNA IMPRONTA ECOLOGICA MEDIA 5 VOLTE QUELLA DEI PAESI A BASSO REDDITO (Fonte: Living Planet Report, 2012)

La popolazione urbana mondiale è triplicata negli ultimi cinquanta anni al punto che – dall’agosto 2008 - più del 50% della popolazione del pianeta vive in aree urbane (seppur la definizione di area urbana non sia univoca).



Il numero di abitanti urbani è passato da 1,52 miliardi nel 1974

ai 3 miliardi del 2000 e si stima che, dei 9 miliardi previsti per il 2050.

In Europa circa il doppio del numero di edifici esistenti al 1950 è stato costruito nella seconda metà del secolo scorso.

In Italia il numero di alloggi è cresciuto dai circa 11 milioni del 1951, agli oltre 27 milioni del 2001

Il prossimo grafico si riporta anche l’andamento demografico della popolazione residente nel comune di Vetralla dal 2001 al 2014. (dati ISTAT al 31 dicembre di ogni anno.) Si sottolinea che nell’anno 2013 si è raggiunto, a Vetralla, il picco numerico di 14.000 abitanti e questo dato è stato mantenuto per l’intero anno, ma già il precedente biennio 2010-2012 aveva visto il dato stabilmente attestato sulla cifra di 13.500 residenti.

Questo andamento percentuale dell’incremento demografico nella popolazione residente vetrallese lascia presumere che, a meno di eventi eclatanti e non prevedibili, la curva che contraddistingue la popolazione residente nel Comune di Vetralla si appiattirà notevolmente nel corso dei prossimi anni, costringendo le amministrazioni che si avvicenderanno nella gestione comunale a programmare tutta una serie di azioni amministrative volte a sostenere l’occupazione soprattutto di tipo giovanile prevedibilmente in flessione rapida in un settore importante come quello edilizio.

Tali azioni di sostegno saranno attuate dal M5S di Vetralla attraverso politiche incentivanti e disincentivanti articolate sulle seguenti linee:

  1. Privilegiare con opportune detrazioni e/o riduzioni impositive le seguenti tipologie di opere previste dal Regolamento Edilizio in vigore Tit. II artt:
    manutenzione ordinaria;
    manutenzione straordinaria;
    interventi di risanamento conservativo;
    interventi di ristrutturazione edilizia.
  2. Predisporre ed attuare un programma di recupero e valorizzazione del centro storico che sin’ora è stato posto in secondo piano dalla Amministrazione uscente e che per Vetralla a 5 Stelle deve assurgere prioritariamente nell'ambito delle politiche edilizie comunali.
  3. Regolamentare gradualmente ed in modo oculato, attraverso un incremento, la percentuale del contributo di cui all'art. 39 del R.E. (op. urb. e costo costruz.) 
POLITICHE sociali connesse all'attività urbanistica.

Il più grande progetto urbanistico nel miglior “archistar” mondiale fallisce miseramente i suoi obiettivi se non è affiancato da una serie di misure di tipo “sociale” e soprattutto “culturale” atte a rivitalizzare l’asfittica vita di comunità del centro storico di Vetralla e delle sue numerose propaggini urbanizzate.

Per questo motivo riteniamo importante favorire, con ogni mezzo possibile, la partecipazione attiva dei cittadini e delle loro rappresentanze territoriali affinchè si possano ricercare nuove forme aggregative, sperimentandone gli effetti sul territorio, con il coinvolgimento di diversi attori, in particolare i giovani, sino ad arrivare ai proprietari terrieri e agli operatori economici.

L'efficacia di tali progetti è legata alla possibilità di controllare la rendita urbana, di mobilitare il territorio per sostenere i processi di riassetto e per stimolare interventi appropriati.

Alcune, tra le soluzioni proposte, sono:
  • la limitazione, con target numerici, dei consumi di suolo annui;
  • la fissazione di una linea attorno agli agglomerati urbani oltre la quale non è possibile edificare;
  • l’agevolazione e l’incentivazione del recupero di aree inutilizzate;
  • lo studio di norme per il mantenimento delle aree agricole. 
Non pare tuttavia possibile affrontare una tale sfida senza un ampio dibattito nella società, senza una riaffermazione dell’etica dell’agire pubblico, senza una rinegoziazione delle regole, senza il faro della ricerca del bene comune e senza il riappropriarsi dei cittadini dei loro spazi di vita.

Alcune questioni sono state valutate dal M5S da un punto di vista socio-economico:
  • la mancanza di finanziamenti pubblici ed il suo reperimento;
  • la perdita di autorità degli enti locali;
  • le nuove migrazioni (interne ed esterne);
  • le nuove esigenze della popolazione urbanizzata;
  • la richiesta di maggiore partecipazione ai processi pubblici. 
L’esame è proseguito anche dal punto di vista fisico:
  • la preoccupazione ambientale;
  • la necessità di un controllo del fenomeno altamente dispendioso della polverizzazione urbana;
  • l'urgenza di politiche di rigenerazione urbana;
  • la necessità di nuove visioni di sviluppo urbano (più qualità, meno quantità);
  • la necessità di risparmio energetico;
  • la necessità di protezione dai rischi naturali.
Infine da un punto di vista tecnico sarà importante valutare: 
  • la considerazione che l’ente pubblico Comune sia strumento “a servizio dei cittadini” che debbono trovare disponibilità e accoglimento anche in ambito urbanistico per andare incontro alla risoluzione delle problematiche proposte;
  • l’urgenza di procedere ad una sburocratizzazione delle procedure relative al rilascio di tutte le documentazioni afferenti l’edilizia con particolare favore allo sviluppo della riqualificazione urbana dei centri storici;
  • la verifica del regolamento esistente dell’Ornato cittadino revisionandolo e facendo rispettare norme (poche) chiare e di facile attuazione;
  • la necessità di innovare i sistemi di pianificazione e i regimi dei suoli per andare verso una pianificazione delle prestazioni;
  • la necessità di analizzare gli strumenti per la valutazione economica dei terreni contenuti anche all'interno dei piani territoriali tradizionali già definiti e “giuridicamente vincolanti”;
  • la necessità di integrare le azioni pubbliche con i processi di mercato;
  • la necessità di una migliore definizione del ruolo delle autorità pubbliche nell’acquisizione di terreni e la loro fornitura per i diversi usi urbani. 
Il TERRITORIO VETRALLESE COME RISORSA CULTURALE

Volutamente abbiamo lasciato per ultima la valutazione delle esigenze culturali del territorio che hanno necessità di politiche specifiche e di programmazione dedicata e congrue risorse rispetto ai progetti.
Un territorio perciò qualificato culturalmente dal punto di vista urbanistico è quello che noi pensiamo per il futuro dei giovani e dello sviluppo delle loro attività produttive in ogni campo.

Il controllo della crescita di Vetralla, con tutte le sue differenti frazioni, ognuna con la sua specificità e la contemporanea esigenza di rigenerazione delle aree limitrofe semiabbandonate richiedono una rinnovata capacità nello sviluppo dei progetti urbani, coinvolgendo i diversi attori, in particolare i proprietari terrieri, gli agricoltori e tutti gli operatori economici. L'efficacia di tali progetti dipende dalla possibilità di controllare la rendita urbana, di mobilitare il territorio, per sostenerne i processi di riassetto e dalla ricerca delle competenze sufficienti per stimolare gli interventi appropriati.

Chiudiamo questo breve escursus in campo edilizio-territoriale con l’impegno della nuova Amministrazione di coinvolgere le strutture Europee per il reperimento dei fondi necessari alle progettazioni e realizzazioni del nuovo assetto urbanistico che si intende dare alla Città di Vetralla

sabato 7 maggio 2016

Tutte le liste e tutti i candidati per le elezioni 2016 a Vetralla

Candidato sindaco: Lorena Ciucci
Lista: Movimento 5 Stelle
Candidati consigliere:
Dimitri Pizzati
Brendan Chierchiè
Biagio Zaccaro
Lilia Ladi
Remo Risoldi
Alfredo Onofri
Valentina Sposetti
Giuseppe Ronzello
Sonia Caccia
Giancarlo Lucreziotti
Italo Galli
Piero Togni
Marco Locci
Olga Anisimova
Angela Maria Massini
---
Candidato sindaco: Francesco Coppari
Lista: Vetralla Passione Comune
Candidati consigliere:
Flaminia Tosini
Claudio Bernini
Pietro Carloni
Sandro Costantini
Diana Ghaleb
Paola Grassi
Stefano Grego
Annamaria Palombi
Enrico Pasquinelli
Carlo Postioglioni
Mauro Presciutti
Giulia Ragonese
Martina Reali
Alessandro Ricucci
Simona Sanetti
Emanuela Santucci
---
Candidato sindaco: Sandrino Aquilani
Lista: Per Vetralla
Candidati consigliere:
Dario Bacocco
Francesco Biancucci
Serena Bicchielli
Benedetta Cancellieri
Roberto Chiurazzi
Alberto Conti
Patricia Del Pilar Aquilani
Elio Pietro Romolo Ferri
Melissa Lo Sciuto
Stefano Maiorana
Nadia Mattei
Martina Mattiocco
Martina Pieracci
Maurizio Sensi
Mario Venanzi
Michele Vittori
---
Candidato sindaco: Giovanni Gidari
Lista: Progetto Vetralla
Candidati consigliere:
Baghini Ruggero
Cianfana Mauro
Crocicchia Maria Cristina
Giardino Gennaro
Iacobazzi Maria Piera
Mariano Giovannini Cristiano
Nicolini Anna Maria
Palmisano Rosa
Pinzari Enrico
Pizzale Stefano
Raggi Fabio
Santini Laura
Santoni Roberto
Santucci Alessia
Ticca Tonino
Venanzi Giuseppe detto Peppe
---
Candidato sindaco: Giulio Zelli
Lista: Noi per Vetralla
Candidati consigliere:
Emiliani Giovan Battista
Baroni Sandro
Bartolucci Claudio
Di Gregorio Mauro
Gigliotti Umberto Secondo
Giovannini Elisa
Ianni Barbara in Mele
Lattanzi Paola
Lops Massimiliano
Luziatelli Alessio
Montecolle Rachele
Mustica Monia
Rossi Fabiola in Celestini
Russi Arianna in Bruschi
Tarelli Renata
Tomassini Roberto

Le promesse mai mantenute della giunta Aquilani

Le promesse sono il metodo politico-elettorale dell'attuale amministrazione Aquilani, ma non ci si abitua mai alla spregiudicatezza con le quali queste vengono riproposte.

LA PALESTRA COMUNALE
Una struttura che potrebbe avere molteplici funzioni, scolastiche e associative, e che è diventata invece una sorta di “barzelletta”.
Da anni l'impianto è chiuso per ripetute ristrutturazione. Ogni volta che si tenta di riaprirla nascono nuove necessità di intervento e i costi lievitano proporzionalmente.
L'ultima promessa di inaugurare per l'ennesima volta la struttura il 1° Aprile si è rilevato un vero e proprio "pesce d'aprile".
Il mese ormai è finito e la palestra rimane chiusa.

LA FARMACIA COMUNALE DI TRE CROCI
Questa vicenda ricadrà sulla nuova giunta con ripercussioni negative su tutta la collettività.
Quello della Sanitas Vetralla s.r.l. è infatti un fallimento preannunciato fin dall'inizio a causa di un'errata progettazione. La società è riuscita ad accumulare debiti per oltre 500.000€, provocati da un lassismo amministrativo e politico aberrante. Intervenire quando sarebbe stato necessario, non era "politicamente sostenibile" poiché avrebbe provocato la perdita di una grossa fetta di voti.
Gravose le conseguenze di questa “scelta”: alcune persone hanno perduto il proprio posto di lavoro, i creditori non sono stati soddisfatti, al Comune è venuto meno un importante servizio e l'Amministrazione ha riportato un grave danno all'immagine.
L'attuale giunta Aquilani, costretta ormai alle corde, nomina un primo liquidatore che, dopo poco, si è reso irreperibile. E' stato allora aperto un procedimento, presso la Procura della Repubblica, ancora pendente.
Ora è stato nominato un nuovo liquidatore senza però ottenere alcun risultato.
Dalla visura camerale risulta che l'ultimo bilancio depositato sia quello del 31/12/12, non si sa con certezza se ci siano ancora disponibilità economiche per sistemare alcune delle posizioni pendenti, soprattutto quelle verso gli ex dipendenti, non si è a conoscenza del lavoro effettuato dai liquidatori e se la pratica sia stata o meno ultimata.
Per avere ulteriori notizie al riguardo occorre risalire al 4 marzo 2016, quando, durante il Consiglio Comunale, è stata fatta una promessa alle opposizioni, ovvero che entro trenta giorni avrebbero provveduto a convocare una commissione ad hoc con l'attuale liquidatrice per tracciare il quadro chiaro della situazione, promessa per il momento disattesa.

LA MENSA SCOLASTICA E I PLESSI
Un'altra lacuna dell'Amministrazione comunale riguarda la programmazione della manutenzione, ordinaria e straordinaria, delle proprietà comunali che viene pianificata sempre in ritardo creando innumerevoli disagi a studenti e genitori.
Proprio a causa di questa disorganizzazione sono state attuate misure inadeguate atte a far fronte la situazione di emergenza quali, orari inaccettabili, delocalizzazione, utilizzazione di immobili temporanei inadeguati. Le problematiche comunque rimangono sempre irrisolte, basti pensare alla mensa scolastica mai completata.
In questo caso l'ultima promessa, in ordine cronologico, è dell'ex Vice Sindaco Zelli, che assicurava le mamme durante un convegno pubblico sulla sana alimentazione: la mensa sarebbe stata riaperta entro Settembre 2015. Il risultato è che oggi la mensa è ancora chiusa e del nuovo bando non si hanno notizie.

IL PIANO URBANISTICO
La nostra città non ha mai avuto uno sviluppo omogeneo e programmato, con continui cambi al piano regolatore, nonostante che per 20 anni siano state le stesse persone ad amministrare.
L'ultima variazione è arrivata durante lo scorso consiglio, ad un mese dalle elezioni. La stessa maggioranza ha portato mozioni di modifica alla sua stessa proposta, senza la minima trasparenza verso i cittadini e i componenti della minoranza del consiglio. È facile pensar male, il numero elevato di interventi della maggioranza fanno emergere posizioni contrapposte, ancora una volta "zero programmazione" e il tutto si trasforma in semplici regali "acchiappavoto". Al momento è solo un'ipotesi, nella speranza di essere smentiti.
Per concludere sottolineiamo che questi continui capovolgimenti, spesso in contrasto tra loro, generano incomprensioni, problemi, ricorsi al T.A.R. con relative spese legali.

E' evidente a questo punto che la trasparenza e la chiarezza siano principi sconosciuti all'attuale amministrazione; ci preme sottolineare come questa politica strida tristemente con quanto paventato nel programma elettorale “targato Aquilani” presentato alle scorse elezioni nel quale venivano sbandierati principi di chiarezza e trasparenza nella realtà mai realizzati.

Questi fin qui elencati sono solo alcuni degli scheletri presenti nell'armadio del Sindaco Aquilani e dei suoi assessori. Molto ancora ci sarebbe da raccontare e ancor di più rimane nascosto tra i faldoni dell'archivio comunale.
Uno dei nostri principali obiettivi nel momento in cui entreremo in comune sarà quello di lavorare duramente per far emergere tutto il marcio nascosto.

Lorena Ciucci candidato sindaco per il MoVimento 5 Stelle a Vetralla

venerdì 6 maggio 2016

Incontro tra residenti del centro storico e la ricetta del M5S Vetralla

Particolarmente interessante e ricco di temi è stato l’incontro che si è svolto ieri tra il MoVimento 5 stelle di Vetralla, i residenti ed i commercianti del centro storico o più precisamente della Zona A.

Il dibattito è stato in gran parte monopolizzato dal riepilogo degli errori causati principalmente dalla cattiva gestione dell’amministrazione Aquilani di cui andiamo ad elencarne alcuni.
Una totale mancanza di ascolto e di dialogo con i cittadini, lavori di rifacimento stradale durati troppo tempo, molto di più di quanto preventivato, e mai terminati. La strada dell’ex cimitero, ancora chiusa così come il laboratorio analisi. Mancanza di un censimento degli immobili disabitati e che senza manutenzione rischiano di diventare pericolanti e pericolosi, l’assenza di un piano d’applicazione dell’ornato cittadino di cui la quasi totalità della cittadinanza ignora anche l’esistenza e che è, in gran parte, causa dell’inesistenza di un decoro urbano.
E per finire una mancata programmazione di interventi e di marketing indirizzati verso il settore turistico e che, negli anni, hanno inaridito le feste e gli eventi che in passato erano un vanto per la città: carnevale, feste padronali, cene in cantina, festa dell’olio ecc.

Nel nostro programma, abbiamo sviluppato nelle varie aree tematiche diversi punti particolarmente verticalizzati su tali temi, ne citiamo alcuni:
  • “consumo di suolo zero” (recupero aree dismesse o inutilizzate, costruzioni su necessità della comunità);
  • piano dei lavori partecipato (priorità concordate con i cittadini);
  • incentivazione opere di manutenzione ordinaria e straordinaria, interventi di risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia;
  • verifica del regolamento esistente dell’Ornato cittadino e la sua revisione con la cogenza di norme (poche) chiare e di semplice attuazione;
  • agevolare la riconversione e ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente;
  • allontanamento piccioni e/o volatili mediante una serie di strategie integrate;
  • connessione Wi-Fi, fruibile gratuitamente nei luoghi di maggiore interesse e affluenza;
  • installazione di telecamere in zone sensibili, sia pure nel dovuto rispetto della privacy, per contrastare atti di vandalismo;
  • ottenere il marchio di qualità turistica “Bandiera Arancione”;
  • riqualificare gli eventi storici (cerimonia dello sposalizio dell'albero, feste patronali, carnevale, ecc...);
  • calendarizzare spettacoli con artisti di strada, musica dal vivo, gare sportive che coinvolgano tutta la città (vicoli, piazzette e periferie …) unitamente ai mercatini sia artigianali sia enogastronomici;
  • collegare l’offerta enogastronomica locale con i percorsi turistici e naturalistici;
  • promuovere e divulgare, con tutti i media (siti web, giornali, opuscoli, volantini, locandine ecc) le iniziative locali, finalizzate a favorire lo sviluppo delle aziende e delle realtà territoriali;
  • sviluppo dell'economia locale, attraverso strumenti come ad esempio, lo ŠCEC: buoni sconti riutilizzabili e molto altro ancora.

Tutto il nostro programma può essere letto, scaricato e stampato collegandosi all'indirizzo: www.vetralla5stelle.it/p/programma.html
Per eventuali segnalazioni, idee o suggerimenti scriveteci a vetralla5stelle@gmail.com.

mercoledì 4 maggio 2016

M5S Vetralla incontra il Centro Storico

Presso Cafè e Cafè (ex Bar 900) Giovedì 5 Maggio ore 21.00

M5S Vetralla incontra i cittadini e commercianti del Centro Storico per conoscere il punto di vista di chi ci vive e ci lavora tutti i giorni. Ascolteremo le vostre idee, i vostri problemi ed i vostri suggerimenti.

#InsiemeSiPuò