giovedì 28 dicembre 2017

La maggioranza abbandona l’aula e blocca i lavori

Rispetto: “riconoscimento di una superiorità morale o sociale manifestato attraverso il proprio atteggiamento o comportamento”. Così cita il dizionario. La mancanza di rispetto invece è ciò che viene manifestato, fin dal suo insediamento, dall'amministrazione Coppari. Mancanza di rispetto verso l’istituzione comunale, verso chi ci lavora e di conseguenza verso i cittadini.


Chiunque abbia, per esempio, partecipato a una commissione pubblica o a un consiglio comunale avrà sicuramente notato il comportamento di alcune persone. C’è chi non si presenta affatto agli appuntamenti, chi viene ma senza conoscere gli argomenti trattati, chi risponde al telefono, senza nemmeno silenziare la suoneria, chi si reca negli uffici perché impreparato a rispondere alle domande, chi esce per parlare con i passanti.


Nell'ultimo consiglio svolto oggi, giovedì 28 si è riproposto il solito scenario. Parte degli assessori e consiglieri erano assenti, chi c’era non era in grado di rispondere alle domande, solite chiacchiere telefoniche e nei corridoi. La minoranza esausta da tali comportamenti è uscita dall'aula per alcuni minuti bloccando i lavori che sono ripresi dopo qualche battibecco.


Questo rimprovero però alla maggioranza non è piaciuto e, per pura ripicca, appena votato i propri punti all'ordine del giorno, prima di iniziare la discussione sulle nostre mozioni, ha abbandonato l’aula senza far più ritorno, lasciando sul posto per quasi un’ora la minoranza (tranne Bacocco che, come al solito, era già andato via anzitempo e Aquilani che non si è nemmeno presentato), il vice presidente del consiglio il segretario comunale e la segretaria generale, in una vana attesa.


Come dicevamo in premessa un comportamento infantile e irrispettoso del ruolo delle minoranze e del Consiglio Comunale, un atteggiamento volto solo a tentar di mascherare la loro inadeguatezza amministrativa.

MoVimento 5 Stelle Vetralla

P.S. Seguici sul nostro nuovo canale Telegram

Nessun commento:

Posta un commento