lunedì 13 novembre 2017

Risposta all'intervista del Sindaco Coppari

Abbiamo letto l’intervista del Sindaco Coppari, e non possiamo esimerci dal dover fare delle precisazioni tecniche, ma anche logiche, su quanto affermato dal primo cittadino.

In merito all'estenuante attesa del responso in merito alla giornata nazionale sugli alberi Coppari afferma: «abbiamo inviato una risposta». Falso. La risposta ci è arrivata via PEC diverse ore dopo la pubblicazione del nostro articolo e della successiva intervista.

Andiamo avanti ad analizzare frase per frase:
«il posizionamento delle aree idonee alla piantumazione degli alberi, non possono deciderle loro». Noi non decidiamo nulla, noi proponiamo e abbiamo aspettato quasi un mese per eventuali controproposte, arrivate fuori tempo massimo per poter partecipare all’evento nazionale.
«c’è una nuova tessitura del Piano Regolatore proprio a novembre e sarà l’amministrazione a decidere l’individuazione delle zone più consone per tali iniziative». Il nuovo piano regolatore lo stiamo aspettando da diversi mesi, viene puntualmente rimandato, e lo aspetteremo ancora per molto visto che dovrà passare la VAS.
Ciò che manca a Vetralla è un Piano per il Verde Urbano. Visto tale assenza noi ci siamo basati su l'unica cosa certa: l’attuale piano regolatore.

L’intervista prosegue andando a toccare altri argomenti, su cui abbiamo già ampiamente commentato e approfondito sia in Consiglio Comunale che attraverso mezzo stampa. Ciò nonostante Coppari continua a distorcere la realtà.
Per esempio sulla mozione bocciata in cui abbiamo proposto l'adozione di colonnine per la ricarica delle auto elettriche Coppari afferma «siamo perfettamente favorevoli ma non è stata approvata per il problema dell’ubicazione». Peccato che nella mozione non si faceva minimamente menzione di tempi o luoghi, quindi se erano favorevoli dovevano approvarla. In realtà non approvano le nostre mozioni perché, come ci spiegò lo stesso sindaco durante un consiglio comunale «altrimenti sembra che noi non lavoriamo».

Coppari prosegue parlando della raccolta differenziata e su come stiano trattando con la ditta che si è aggiudicata l’appalto. Esclude che ci possa essere il rischio di un ulteriore contenzioso.
Già in passato Tosini rassicurò il Consiglio Comunale sull’assenza di rischi di eventuali ricorsi, previsione miseramente sbagliata. L’unico dato di fatto è che siamo il fanalino di coda di tutta la provincia.

Doveva essere un’amministrazione coraggiosa, aperta, nuova, partecipata, lungimirante… invece quella di Coppari si sta rivelando arrogante, politicizzata, disorganizzata e terribilmente simile a quella passata.

Nessun commento:

Posta un commento