sabato 11 novembre 2017

Finalmente è arrivata la risposta ufficiale del Comune di Vetralla

Dopo quasi un mese di attesa sono arrivate le motivazioni ufficiali per la bocciatura del progetto da noi presentato per la partecipazione di Vetralla alla Giornata Nazionale degli Alberi. Sono stati necessari numerosi solleciti e una nota inviata per mezzo stampa per ottenerla.

Come già preannunciato verbalmente la risposta del Comune è stata negativa. I motivi? Politici, nascosti dietro una parvenza tecnica.

Le due aree da noi individuate, non vanno bene.

Da una parte ci sarebbe una convenzione con un’associazione di cavalieri e “potrebbe interferire con le attività da loro svolte”.
Di tale convenzione non c’è traccia ufficiale se non in una delibera. In ogni caso, a nostro modesto parere, cavalli e alberi possono coesistere senza problemi e sarebbe bastato contattare l’associazione per ottenere un loro parere.

Nella seconda area adiacente è venuto fuori che “è intenzione dell'Amministrazione procedere a una pianificazione”. In parole povere vorrebbero farci qualcosa, non sanno ancora cosa e non sanno nemmeno quando, ma nel frattempo la vogliono lasciare così.

Alla presentazione del progetto ci siamo resi disponibili, oltre che a una collaborazione con l’ente e altre associazioni, anche per delle modifiche al progetto.

La controproposta è arrivata tardivamente: “l'area di sgambatura cani”.
Dopo averlo chiesto più volte e da diversi mesi in Consiglio Comunale ancora non conosciamo l’ubicazione, probabilmente nella Villa Comunale, e se così fosse sarebbe l’area che meno di tutte ha necessità di nuovi alberi.
Ma in realtà il vero problema è un’altro: come già anticipato nel precedente comunicato stampa non c’è più tempo per riuscire a partecipare alla giornata nazionale. Oltre che alle questioni burocratiche, come la stipula dell’assicurazione, i vivai che abbiamo contattato, anche per contenere i costi, visto l’intento lodevole, ci avevano chiesto di ordinare le piante con largo anticipo.

Appare ovvio che le motivazioni sono prettamente politiche. Siccome nel caso di Vetralla il progetto presentato è a “firma” di Vetralla 5 Stelle hanno pensato che il nostro scopo fosse elettorale. Non rendendosi conto che in tutto il territorio nazionale parteciperanno a tale iniziativa movimenti, associazioni e partiti di ogni colore e ovviamente semplici cittadini.
Avrebbero potuto e dovuto aderire come istituzione locale e avremmo felicemente coinvolto chiunque senza distinzione di casacca.
La realtà è che non vogliono la partecipazione dei cittadini e non vogliono che vengano organizzate iniziative che non siano frutto della loro azione. Quelli che agiscono in funzione prettamente elettorale sono solo ed esclusivamente loro. Ci rammarica il fatto che a rimetterci siano i nostri figli che avrebbero potuto vivere in un ambiente più bello e più salubre anche grazie a queste iniziative.

Il nostro obiettivo era semplicemente quello di abbellire una località semi abbandonata, donando degli alberi al Comune e provvedere alla piantumazione insieme ai cittadini.
Incrementare la dotazione verde della città attraverso un’azione partecipata educativa e che dava risposta a varie esigenze della vita urbana: della tutela della salute, del paesaggio, la creazione di luoghi socializzazione e relax e anche un valido aiuto alla limitazione dell'effetto inquinante delle attività umane, un presidio sanitario naturale.

Per l’ennesima volta questa “nuova” amministrazione ha dimostrato quanto è “vecchia” nel modo di agire, di pensare e nella capacità di organizzarsi o anche semplicemente rispondere alle proposte.

Per approfondire:

Nessun commento:

Posta un commento