mercoledì 27 settembre 2017

Installare colonnine per la ricarica di auto elettriche

Stiamo entrando in una  nuova era della mobilità basata sulle auto elettriche.
Aumento dell’inquinamento e diminuzione delle risorse petrolifere sono le principali spinte al cambiamento. A guidarlo ci sono marchi innovativi come la Tesla Motors, ma ora anche le grandi case automobilistiche stanno recuperando terreno.

Secondo Morgan Stanley entro il 2040 il 51% di vetture sarà a propulsione elettrica. Nonostante in Italia, a differenza di altri paesi, gli incentivi sono pressoché inesistenti, il Politecnico di Milano prevede entro i prossimi 3 anni 140 mila auto elettriche circolanti. Molte nazioni, oltre a incentivare le vendite di EV, metteranno al bando le auto diesel e benzina: ad esempio la Francia e Gran Bretagna nel 2040, Norvegia nel 2025 insieme a molte capitali Europee.


Università e centri di ricerca di tutto il mondo stanno lavorando per lo sviluppo di batterie sempre più efficienti e con tempi di ricarica ridotti. Nel frattempo si sta sviluppando una vera e propria rete di colonnine di ricarica sia pubbliche che private.
Avere la disponibilità di punti di ricarica sufficienti per poter viaggiare in totale tranquillità sarà il vero e proprio volano per questa nuova industria.
Nel 2016 erano 1,45 milioni di punti di ricarica, solo in Europa quasi 500.000 e crescono a ritmi vorticosi grazie agli incentivi economici. L’Italia purtroppo, anche in questo caso, è il fanalino di coda con meno di 8.000 punti. Nonostante la visione miope del Governo italiano molti Comuni hanno deciso di installare le colonnine cercando di recuperare il tempo perso.


Queste sono le motivazioni che ci spingono a portare al prossimo Consiglio Comunale una mozione dove chiediamo alla Giunta di installare, sfruttando i fondi statali ed europei, nel territorio Vetrallese le colonnine per la ricarica di auto e moto elettriche per essere pronti ad accogliere il presente.

Nessun commento:

Posta un commento