venerdì 21 ottobre 2016

30.000€ per la festa dell’olio 2016

30 mila euro. A tanto ammonta il piano di spesa per la prossima festa dell’olio a Vetralla, un bel balzo in avanti rispetto ai 7 spesi dalla precedente amministrazione. Ad onor del vero solo 5 mila saranno sborsati dalle casse comunali mentre 15 ne dovrebbe mettere la Regione. I restanti 10 dovrebbero arrivare da sponsor e produttori (ancora non è chiaro come).
Nel 2015 il Comune spese 1200€, il resto venne dalla Camera di Commercio.

L’olio è uno dei nostri prodotti di punta, che deve essere valorizzato quindi ben vengano nuovi investimenti ed  iniziative per la sua promozione. Questo però non deve essere una corsa alla spesa senza una buona resa aumentando gli sprechi. Nel quadro economico ci sono alcune voci che sembrano sovrastimate come, ad esempio, 7.000€ per l’installazione della tensostruttura, di proprietà del Comune peraltro, 900€ per il solo studio grafico (non si evince quale e se più d'uno). Troviamo poi 5 mila di promozione, “pubblicità” che finalmente viene valutata come necessità ma oggi si può ritenere ancora valida 1.500€ di passaggi in radio e soli 500€ per il web? Proseguiamo poi con le spese di allaccio elettrico che potrebbero essere risparmiati utilizzando la rete Comunale o contenute vista la convenzione UNIPLI (Pro Loco) ed Enel. 1000€ per noleggio attrezzature per proiezioni, e qui non è chiaro il motivo di non utilizzare quello presente nella biblioteca comunale. Infine compensi e rimborsi spese 2.200€ ma a chi di preciso e per quali “variabili” non si sa.

Leggendo queste cifre ci si immagina un evento faraonico che, ci auguriamo, capace di attirare orde di persone ma, ad oggi, il programma presentato non sembra dissimile dalle passate edizioni.
La nostra sensazione è che per una semplice sagra si spenda un’esagerazione senza badare agli sprechi, spinti forse dall'idea che gran parte del gruzzolo lo mette la Regione e non il Comune. Ricordiamoci però che si tratta sempre di soldi nostri e delle nostre tasse. Che provengano dallo Stato, dalla Regione o dal Comune poco cambia.

Seguiremo l’evolversi della storia cercando di avere maggiori dettagli su come verranno spesi i nostri soldi e restiamo in attesa del “programma rivisto” annunciato  dall'Assessore Postiglioni.

Nessun commento:

Posta un commento