sabato 18 giugno 2016

Primo Consiglio Comunale della nuova giunta Coppari

Venerdì 17 si è svolto il primo Consiglio Comunale della nuova amministrazione Coppari.
Come da prassi è stato incentrato sui tecnicismi di insediamento. Il neo Sindaco ha elencato le priorità del suo mandato, cosi come descritto nel programma della lista uscita vincente dalle ultime votazioni.
Oltre ai vari assessori sono stati scelti i presidenti del consiglio (Ragonese e Carloni), i mebri della commissione elettorale (Ghaleb/Grassi/Gidari e supplenti Costantini/Pasquinelli/Zelli).

La nota di colore si è avuta alla discussione della mozione presentata dal Vice Sindaco Tosini per la revoca della Delibera per il Piano Regolatore Generale Comunale. Gli ex amministratori (oggi minoranza) Aquilani/Zelli/Bacocco hanno difeso a spada tratta la loro delibera, addossando eventuali responsabilità di errori, ipotizzati dalla nuova Giunta, ai tecnici incaricati e uscendo dall'aula al momento del voto per protesta contro un vizio di forma nella presentazione della mozione.

E' stato anche il primo Consiglio che ha visto un rappresentante del MoVimento 5 Stelle eletto come consigliere di minoranza: Lorena Ciucci.

"Il nostro obiettivo sarà quello di trovare dei punti in comune tra il nostro e il programma della maggioranza, effettuare proposte, collaborare.
Vetralla ne ha bisogno.
Ma eserciteremo anche la nostra funzione di controllore e di opposizione, in maniera chiara e decisa, verso quelle scelte che, a nostro giudizio, non andranno a beneficio del bene comune, o che si discosteranno dalle nostre linee programmatiche per le quali siamo stati votati.
Le nostre prime richieste saranno di una maggiore trasparenza, da ottenere attraverso la videoproiezione dei consigli comunali e commissioni, e lavorare per trovare una soluzione all'annoso problema dell'arsenico rispettando la volontà dei cittadini per una gestione pubblica dell'acqua.
"

Di seguito riportiamo per esteso il discorso di insediamento pronunciato da Lorena Ciucci:
Buonasera Sig.ra Presidente, Sig. Sindaco, Assessori, e Colleghi Consiglieri

Vorrei iniziare il mio discorso con una citazione:

"Partecipazione, rinnovamento, trasparenza saranno i binari sui quali si muoverà la nostra squadra".

Questa frase l'abbiamo estrapolata dal programma di Passione Comune Vetralla, il programma con cui tale lista si è presentata agli elettori e vinto le elezioni.

Partecipazione trasparenza, due concetti, a nostro parere, fondamentali della democrazia.
Concetti che siamo felici di aver ascoltato, anche questa sera, citare nei vostri interventi.

Il M5S nel 2012 lanciò un appello al consiglio comunale di Vetralla di allora: riprendere le sedute consiliari e le commisioni, proiettandole in diretta streaming su internet e registrandole per una successiva visione.

Appello che fu accolto dal gruppo Vetralla Bene Comune. Richiesta che però ha prodotto l'approvazione, dopo ben 3 anni, e dopo una nostra forte azione di sollecito, un regolamento restrittivo e non ancora attuato da parte della decaduta giunta Aquilani.

Vorremo quindi tangibilmente apprezzare il rinnovamento rispetto al passato di cui lei, Sindaco, fa da porta bandiera.

Annunciamo quindi che, al prossimo consiglio, porteremo una mozione per colmare, in maniera semplice e veloce, questa lacuna.

Questo è un esempio di come vogliamo impostare il nostro ruolo di "minoranza".
Trovare dei punti in comune tra il nostro e il vostro programma, effettuare propostecollaborare.
Vetralla ne ha bisogno.

Ma eserciteremo anche la nostra funzione di controllore e di opposizione, in maniera chiara e decisa, verso quelle scelte che, a nostro giudizio, non andranno a beneficio del bene comune, o che si discosteranno dalle nostre linee programmatiche per le quali siamo stati votati.
Ad esempio vorremmo sottolineare fin da subito i dubbi che nutriamo sull'annunciata Fondazione a partecipazione comunale. Chiaramente siamo favorevoli alla creazione di una fondazione per valorizzare e tutelare i nostri prodotti, ma non nella conpartecipazione del comune in questa tipologia di figura.
La motivazione di questo nostro dissenso è dovuta esclusivamente al fatto che questo istituto è una figura atipica, di natura dottrinaria, che racchiude alcuni elementi propri della fondazione combinati con altre caratteristiche dell'associazione per realizzare un nuovo modello di organizzazione.
Il suo modulo organizzativo permette quindi la presenza contemporanea di enti pubblici e di soggetti del mondo privato.
Non esistendo nel nostro ordinamento delle norme specifiche che prevedano e disciplinino la partecipazione dei soggetti alla vita sociale della fondazione stessa, si pone il problema se essa rientra nell’alveo dei cosiddetti “organismi partecipati” e se di conseguenza alla stessa si applicano le norme finanziarie che pongono limiti, divieti e restrizioni di spesa dell’ente pubblico aderente.
Concordiamo quindi sul fatto che il Comune possa favorire e incentivare la creazione di semplici fondazioni dando per esempio alla stesse un supporto logistico, quali locali a condizioni agevolate, patrocini e quant'altro, ma sicuramente non capitali di partecipazione che potrebbero non andare a soddisfare un'esigenza di interesse generale.

Nel darvi approvazione allo vostre linee di governo, nella speranza che terrete fede agli impegni presi in campagna elettorale, questa sera, vorremmo anche sottolineare un'urgenza che numerosi cittadini ci hanno ribadito in questi anni, e ancor di più in questi ultimi mesi di campagna elettorale: acqua pubblica e potabile.

Siamo fiduciosi che le nostre proposte troveranno terreno fertile. Nella speranza di poter collaborare per vederle realizzate nel più breve tempo possibile auguriamo a tutto questo consiglio "Buon Lavoro".
Vetralla 17/06/2016
Lorena Ciucci

Nessun commento:

Posta un commento