sabato 7 maggio 2016

Le promesse mai mantenute della giunta Aquilani

Le promesse sono il metodo politico-elettorale dell'attuale amministrazione Aquilani, ma non ci si abitua mai alla spregiudicatezza con le quali queste vengono riproposte.

LA PALESTRA COMUNALE
Una struttura che potrebbe avere molteplici funzioni, scolastiche e associative, e che è diventata invece una sorta di “barzelletta”.
Da anni l'impianto è chiuso per ripetute ristrutturazione. Ogni volta che si tenta di riaprirla nascono nuove necessità di intervento e i costi lievitano proporzionalmente.
L'ultima promessa di inaugurare per l'ennesima volta la struttura il 1° Aprile si è rilevato un vero e proprio "pesce d'aprile".
Il mese ormai è finito e la palestra rimane chiusa.

LA FARMACIA COMUNALE DI TRE CROCI
Questa vicenda ricadrà sulla nuova giunta con ripercussioni negative su tutta la collettività.
Quello della Sanitas Vetralla s.r.l. è infatti un fallimento preannunciato fin dall'inizio a causa di un'errata progettazione. La società è riuscita ad accumulare debiti per oltre 500.000€, provocati da un lassismo amministrativo e politico aberrante. Intervenire quando sarebbe stato necessario, non era "politicamente sostenibile" poiché avrebbe provocato la perdita di una grossa fetta di voti.
Gravose le conseguenze di questa “scelta”: alcune persone hanno perduto il proprio posto di lavoro, i creditori non sono stati soddisfatti, al Comune è venuto meno un importante servizio e l'Amministrazione ha riportato un grave danno all'immagine.
L'attuale giunta Aquilani, costretta ormai alle corde, nomina un primo liquidatore che, dopo poco, si è reso irreperibile. E' stato allora aperto un procedimento, presso la Procura della Repubblica, ancora pendente.
Ora è stato nominato un nuovo liquidatore senza però ottenere alcun risultato.
Dalla visura camerale risulta che l'ultimo bilancio depositato sia quello del 31/12/12, non si sa con certezza se ci siano ancora disponibilità economiche per sistemare alcune delle posizioni pendenti, soprattutto quelle verso gli ex dipendenti, non si è a conoscenza del lavoro effettuato dai liquidatori e se la pratica sia stata o meno ultimata.
Per avere ulteriori notizie al riguardo occorre risalire al 4 marzo 2016, quando, durante il Consiglio Comunale, è stata fatta una promessa alle opposizioni, ovvero che entro trenta giorni avrebbero provveduto a convocare una commissione ad hoc con l'attuale liquidatrice per tracciare il quadro chiaro della situazione, promessa per il momento disattesa.

LA MENSA SCOLASTICA E I PLESSI
Un'altra lacuna dell'Amministrazione comunale riguarda la programmazione della manutenzione, ordinaria e straordinaria, delle proprietà comunali che viene pianificata sempre in ritardo creando innumerevoli disagi a studenti e genitori.
Proprio a causa di questa disorganizzazione sono state attuate misure inadeguate atte a far fronte la situazione di emergenza quali, orari inaccettabili, delocalizzazione, utilizzazione di immobili temporanei inadeguati. Le problematiche comunque rimangono sempre irrisolte, basti pensare alla mensa scolastica mai completata.
In questo caso l'ultima promessa, in ordine cronologico, è dell'ex Vice Sindaco Zelli, che assicurava le mamme durante un convegno pubblico sulla sana alimentazione: la mensa sarebbe stata riaperta entro Settembre 2015. Il risultato è che oggi la mensa è ancora chiusa e del nuovo bando non si hanno notizie.

IL PIANO URBANISTICO
La nostra città non ha mai avuto uno sviluppo omogeneo e programmato, con continui cambi al piano regolatore, nonostante che per 20 anni siano state le stesse persone ad amministrare.
L'ultima variazione è arrivata durante lo scorso consiglio, ad un mese dalle elezioni. La stessa maggioranza ha portato mozioni di modifica alla sua stessa proposta, senza la minima trasparenza verso i cittadini e i componenti della minoranza del consiglio. È facile pensar male, il numero elevato di interventi della maggioranza fanno emergere posizioni contrapposte, ancora una volta "zero programmazione" e il tutto si trasforma in semplici regali "acchiappavoto". Al momento è solo un'ipotesi, nella speranza di essere smentiti.
Per concludere sottolineiamo che questi continui capovolgimenti, spesso in contrasto tra loro, generano incomprensioni, problemi, ricorsi al T.A.R. con relative spese legali.

E' evidente a questo punto che la trasparenza e la chiarezza siano principi sconosciuti all'attuale amministrazione; ci preme sottolineare come questa politica strida tristemente con quanto paventato nel programma elettorale “targato Aquilani” presentato alle scorse elezioni nel quale venivano sbandierati principi di chiarezza e trasparenza nella realtà mai realizzati.

Questi fin qui elencati sono solo alcuni degli scheletri presenti nell'armadio del Sindaco Aquilani e dei suoi assessori. Molto ancora ci sarebbe da raccontare e ancor di più rimane nascosto tra i faldoni dell'archivio comunale.
Uno dei nostri principali obiettivi nel momento in cui entreremo in comune sarà quello di lavorare duramente per far emergere tutto il marcio nascosto.

Lorena Ciucci candidato sindaco per il MoVimento 5 Stelle a Vetralla

Nessun commento:

Posta un commento