venerdì 12 febbraio 2016

Vi aspettiamo Domenica 14 Feb alla Villa di Vetralla dalle 10 alle 12

Il Comune di Vetralla, nell'ultimo anno, ha speso oltre 100 mila euro per la gestione dei cani randagi. Per quest'anno è stato indetto un nuovo bando ma, dallo scorso dicembre, non si hanno ancora informazioni chiare.
A oggi risultano 80 cani in carico al Comune sparpagliati in tre strutture.
Simile al meccanismo con cui si gestiscono gli immigrati nei centri di accoglienza, il Comune paga circa 3,50€ al giorno per ogni cane.
Paragonate al bilancio Comunale queste cifre possono sembrare ridicole, ma è pur vero che una buona gestione deve prendere in esame tutte le spese.

Avremmo altro da raccontare su questo argomento come, ad esempio, la gestione assai approssimativa dell'elenco dei cani. Tale gestione potrebbe portare anche a errori grossolani se non addirittura a movimenti illeciti che andrebbero a pesare sulle tasche dei cittadini.
Per il momento ci limitiamo a invitarvi, Domenica 14 alla Villa di Vetralla dalle 10 fino alle 12, per prendere informazioni sull'adozione di questi cucciolotti. Potrete dargli una famiglia e contribuire a una piccola diminuzione delle spese comunali.

Nel frattempo stiamo elaborando anche delle proposte che metteremo nel nostro programma tra cui:


  • istituire un regolamento comunale;
  • sottoscrivere una convenzione con le guardie eco-zoofile;
  • censire i cani di proprietà e colonie feline;
  • organizzare incontri periodici con medici veterinari, polizia municipale e cittadini per diffondere le buone pratiche e spiegare in modo dettagliato l’intervento chirurgico della sterilizzazione e tutti i disagi che comporta il non praticarla;
  • creare l’opportunità per sterilizzare a prezzi contenuti cani e gatti di proprietà, tramite convenzioni con ASL e/o ambulatori privati;
  • concedere un’area verde dedicata alla rieducazione di cani e proprietari in collaborazione con le associazioni;
  • efficientare l’ufficio per i diritti degli animali per favorire adozioni.

Nessun commento:

Posta un commento