mercoledì 30 settembre 2015

Che fine farà la raccolta dell'olio vegetale esausto a Vetralla?

Più volte ci siamo occupati della gestione della raccolta degli olii vegetali esausti. Non c'è bisogno di ricordare quanto sia importante differenziare questo rifiuto, quanto sia utile recuperarlo e quanto sia dannoso per l'ambiente e per le nostre tasche lo sversamento negli scarichi fognari.
Se volete approfondire, vi segnaliamo questo nostro articolo: http://www.vetralla5stelle.it/2013/08/raccolta-e-riciclo-olio-vegetale.html

Nella Tuscia l'amministrazione provinciale ha distribuito fusti stradali e contenitori casalinghi utili alla raccolta e riciclo. Nel nostro Comune la raccolta è partita ufficialmente, un po' in sordina, a Marzo del 2014 infatti, solo alcuni cittadini si sono recati presso gli uffici comunali per ritirare il contenitore casalingo. Il contenitore era dotato del famoso tappo provvisto di chip che, attraverso un sofisticato software, avrebbe dovuto generare statistiche sulla virtuosità delle singole famiglie. Software così futuristico che non ha mai visto la luce.

Di fatto il progetto provinciale, costato oltre 1 milione di euro, non è mai decollato del tutto. A Vetralla, ad esempio, lo svuotamento dei fusti è sempre avvenuto solo quando l'olio tracimava dall'orlo, e in pochi hanno visto il famoso pulmino che avrebbe dovuto scorrazzare con il biodiesel prodotto dall'olio recuperato.

Il 31 Luglio scorso è oltretutto scaduto il bando provinciale per lo svuotamento dei fusti stradali. Molti comuni si sono già organizzati per gestire in proprio tale incombenza. A questo punto la domanda sorge spontanea: a Vetralla i nostri "sedicenti amministratori" come avranno deciso di affrontare la questione?

Siamo tutti d'accordo che la gestione provinciale è stata a dir poco FALLIMENTARE, ma ormai i fusti ci sono, molte famiglie li usano e vista l'importanza di tale recupero non possiamo permetterci che anche questi fusti facciano la fine di Gaia.

lunedì 28 settembre 2015

Risolta la fuoriuscita d'acqua al Cinelli

La scorsa estate i residenti del Cinelli ci hanno segnalatoun problema: in poche parole nella zona era presente un tubo che proveniva dal dearsenificatore e da cui usciva acqua in grande quantità.
I cittadini, preoccupati e irritati avevano chiesto al Comune di risolvere il problema, ricevendo come risposta la solita "non è nostra competenza". Abbiamo preso in carico noi la questione contattando la Regione Lazio e l'Azienda installatrice dell'impianto. Risultato? L'acqua non esce più. I residenti ringraziano.
La ditta che ha eseguito i lavori ci ha spiegato che, per il momento, il tubo dal quale usciva l'acqua non può essere rimosso in attesa che la direzione lavori regionale trovi una soluzione definitiva.

Il 31 Dicembre l'azienda installatrice, e produttrice dell'impianto, terminerà l'appalto di gestione. Regione e Comuni dovranno quindi affrettarsi a trovare una soluzione definitiva ed efficiente sulla manutenzione di tali impianti. La salute dei cittadini è, o dovrebbe essere, al centro delle priorità. Noi continueremo, come sempre abbiamo fatto, a seguire la storia.

mercoledì 16 settembre 2015

I patti si rispettano, e la nostra pazienza ha un limite

Ricordiamo ai membri della Giunta che a inizio estate avevamo stipulato un patto secondo il quale noi avremmo sospeso l'azione di riprendere i Consigli e le Commissioni in cambio della loro parola di approvare un regolamento in materia di videoriprese al primo Consiglio comunale.

Di Consigli nel frattempo ne sono già stati fatti due, ma abbiamo compreso le celeri e apprezzate motivazioni del delegato Vittori che spiegava che essendo urgenti con materia esclusiva di approvazione di bilancio non potevano essere conteggiati come ordinari.

Senza bisogno che ci sia comunicato da nessuno, capiamo che anche il prossimo Consiglio del 18, essendo urgente, non potrà essere conteggiato.

Accettiamo già le motivazioni.

Tuttavia ci urge sollecitare la Giunta affinché il prossimo Consiglio ordinario approvi tale regolamento.

I patti si rispettano e siamo sicuri che quello dell'approvazione di un regolamento per le videoriprese sarà rispettato.

Così come noi di Vetralla 5 Stelle abbiamo rispettato il patto non eseguendo riprese audiovisive.

Ricordiamo, infine, che il servizio che volevamo offrire gratuitamente al Comune nel limite delle nostre possibilità e fino a che la Giunta non abbia installato telecamere o affidato un incarico a un gestore, affinché le Commissioni e i Consigli pubblici siano ripresi e caricati in rete, di modo da dare la possibilità a chi non può venire fisicamente in Comune di seguire i lavori dell'Amministrazione, è sempre valido.

Pensateci, sarebbe il primo atto del M5S di Vetralla per far risparmiare soldi ai Cittadini, in attesa di tanti non appena nel 2016 diventeremo Amministrazione.

venerdì 4 settembre 2015

Sabato 5 Settembre 16.30 Villa di Vetralla

Proseguono i banchetti itineranti del M5S Vetralla. Dopo Cura e il Cinelli domani Sabato 5 Settembre dalle 16.30 alla Villa di Vetralla potrai firmare la petizione contro l'IMU agricola, portare suggerimenti, idee, segnalazioni. Vetralla 5 Stelle sta lavorando alla stesura del programma e all'organizzazione della lista che parteciperà alle prossime elezioni comunali. Abbiamo bisogno del supporto di tutti.
Se non riesci a venire ma vuoi rimanere informato sulle nostre iniziative contattaci.