martedì 24 febbraio 2015

Il cimitero di Vetralla

Nel 2010 un cittadino scrisse al Sindaco segnalando la situazione di degrado in cui versa il cimitero di Vetralla. Ancora attende una risposta.
Nel 2014 si è recato nuovamente sul luogo per commemorare i suoi cari, trovando una situazione ancor peggiore decidendo così di effettuare delle riprese.
Ci ha contattato chiedendo di dare voce alla sua segnalazione nella speranza di ricevere una risposta ma, soprattutto, auspicando che venga dato il giusto rispetto ai defunti.



Di seguito il testo della lettera:

FAX DIRETTO ALL’UTENZA  0761/461686 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI VETRALLA(VT)
OGGETTO: Cimitero di Vetralla.Richiesta di intervento sulla struttura riquadro 4 lato est.
Egregio Signor Sindaco,chi  la disturba è, Franco Delle Monache, nato a Vetralla il 01.10.1947, residente a Spoleto, via Eugenio Curiel nr.54, il quale con la presente scrittura,trasmessa a mezzo fax ,vuole sottoporre alla Sua cortese attenzione quanto segue:
- nel cimitero di Vetralla, riquadro 4, lato est, fila 4, loculi nr.22 e 23, riposano le spoglie mortali dei miei genitori, Federico Delle Monache e Silvi Caterina. Il tetto dell’intero manufatto risulta completamente sfondato  tanto da causare notevoli infiltrazioni di acqua piovana con conseguente danneggiamento alle bare dove sono custodite le salme.
La settimana scorsa, ho effettuato una visita al cimitero, nel corso della quale ho potuto constatare di persona, che erano state eseguite delle esumazioni di persone, proprio in quel riquadro, e piu’ precisamente, in alcuni loculi sottostanti a quelle dei miei genitori. I suddetti loculi risultavano completamente imbevuti di acqua, tanto sta a significare che vi sono notevoli ed abbondanti infiltrazioni di acqua.
Qualche anno fa, mi sono sentito in dovere di segnalare l’inconveniente sopra descritto, all’ufficio tecnico di Codesto Comune, e nella circostanza mi era stata data assicurazione che nel giro di poco tempo la riparazione  del tetto sarebbe stata effettuata, ma cosi non e’ stato, il manufatto ancora oggi è nelle stesse condizioni, anzi, è peggiorato.
Al di la di tutto, credo che tutti i defunti che riposano in quel riquadro debbano avere il massimo rispetto dalle Istituzioni, per un degno e meritato riposo.
Egregio Signor Sindaco, mi affido al suo buon senso ed alla sua sensibilità, quale primo cittadino del Comune dove sono nato e Le chiedo cortesemente di voler intervenire affinché venga effettuata la riparazione del tetto.

E.Mail: francodellemonache@tiscali.it
Spoleto, lì 06 Marzo 2010
Ringraziandola anticipatamente per il suo intervento
Le invio distinti saluti e buon lavoro
Franco Delle Monache

Nessun commento:

Posta un commento