domenica 1 febbraio 2015

C'è ancora arsenico nell'acqua di Vetralla

Secondo le analisi condotte dall’Agenzia Regionale Protezione Ambientale del Lazio (ARPA Lazio) su campioni prelevati da personale aziendale i valori di arsenico presenti nelle acque vetrallesi superano ancora i livelli consentiti per legge, ossia i famosi 10 microgrammi.

Questo significa che nonostante la definitiva apertura degli impianti di dearsenificazione l'acqua rimane non potabile. Nell'immagine qui a fianco ci sono i valori dello scorso dicembre rispetto a quelli pubblicati in questi giorni sul sito della ASL. I nostri dubbi che abbiamo espresso quando, un mese fa, su tutti i media locali si strombazzava che l'acqua sarebbe diventata potabile dal primo gennaio si sono puntualmente avverati. Per una volta avremmo preferito esserci sbagliati.

Nessun commento:

Posta un commento