venerdì 19 settembre 2014

8x1000 all'edilizia scolastica

Destinare l'8X1000 del gettito IRPEF all'edilizia scolastica. Un proposta del Movimento 5 Stelle diventata parte integrante della legge di stabilità e che consente da questo anno ai contribuenti di destinare parte dei fondi non solo alla chiesa cattolica o ad associazioni e istituzioni che operano in ambito sociale ma anche alla scuola italiana per finanziare opere di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all'istruzione scolastica.


Una possibilità a cui tutti i comuni possono accedere presentando formale richiesta alla Presidenza del Consiglio.

Tutto questo nonostante che il governo centrale sia colpevolmente in ritardo sull'utilizzo dei fondi per l'8xMille (nonché stia tentando di dirottare fondi per le scuole agli Edifici di Culto) e che ci siano difficoltà per reperire la modulistica adeguata.
La scadenza fissata per tale richiesta è il 30 Settembre, in soccorso stanno intervenendo i nostri portavoce M5S a Roma, dove in commissione bilancio hanno richiesto una proroga fino a dicembre 2014 per dare il tempo a tutti gli enti di effettuare le richieste di accesso al fondo dell'edilizia scolastica e di escludere dal Fondo gli Edifici di Culto.

Per questo, noi di Vetralla 5 Stellechiediamo al Sindaco Aquilani ed alla sua giunta di attivarsi, se non lo avesse già fatto, per effettuare tale richiesta.
Nel nostro Comune sono stati effettuati numerosi interventi, e molti altri ancora ne servono, bambini e genitori sono ancora obbligati a migrare tra i vari plessi, per non parlare della carenza di palestre per l'attività fisica.

Siamo fiduciosi che, almeno questa volta, la nostra richiesta sarà presa in considerazione.

Aggiornamento 25/09/2014: Il M5S ottiene la proroga, in questo modo c'è più tempo per i sindaci di presentare domanda.

2 commenti:

  1. Mi sembra una cosa che sicuramente avranno fatto conoscendo la fame di soldi del nostro comune, tantè che chiederemo trasparenza su questa questione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si il abbiamo chiesto agli uffici competenti di Vetralla e ci hanno risposto di aver fatto richiesta

      Elimina