giovedì 17 aprile 2014

#ItaliaOgmFree parte la raccolta firme


Il Tar del Lazio dovrà decidere sul ricorso di un agricoltore friulano che ha impugnato il decreto interministeriale con il quale il governo vieta le coltivazioni del mais geneticamente modificato Mon810 sul territorio italiano.
Se il Tar dovesse dar ragione al coltivatore, allora da subito i semi Ogm potrebbero essere piantati sui nostri campi.

In attesa di questa sentenza dobbiamo far sentire la nostra voce ed esprimere la nostra contrarietà agli OGM.

A prescindere dalla decisione del Tar ATTIVIAMOCI e chiediamo ai nostri amministratori locali (sindaco, consiglieri) di utilizzare tutti gli strumenti a loro disposizione per contrastare la coltivazione di tutti gli organismi geneticamente modificati nell'ambito del comprensorio di riferimento, a salvaguardia della salute umana, dell’ambiente e della biodiversità agraria.

Abbiamo quindi un compito molto importante: pressare tutti i nostri Comuni, dal più grande al più piccolo. Come in un grande puzzle, ogni territorio può fare la sua parte in questa battaglia per rendere l’Italia OGM free!

Vetralla 5 Stelle ha deciso di aderire e inizierà la raccolta delle firme in occasione dell'evento "Smetti e Vinci" in programma Sabato 19 Aprile presso Palazzo Zelli in Via Scriattoli nel centro storico di Vetralla a partire dalle ore 16.
A tale evento parteciperanno i deputati del MoVimento 5 Stelle Bernini, Baroni e Di Vita.

Per maggiori informazioni su #ItaliaOgmFree visitate il sito www.italiaogmfree.org


Nessun commento:

Posta un commento