lunedì 8 luglio 2013

Decreto Fare: chi inquina non pagherà più!

Riceviamo e diffondiamo questo appello del Forum Italiano per l'Acqua Pubblica:
All'interno del cosiddetto "Decreto Fare" è stata inserita una modifica dell'art. 243 del Decreto Ambientale (D.lgs 152/2006) recante "Gestione delle acque sotterranee emunte". Tale modifica è di una gravità inaudita, infatti sostanzialmente si arriva a subordinare la bonifica del sito inquinato, e quindi il relativo rischio sanitario, all'interesse economico del privato inquinatore.
Venerdì scorso come Forum dei Movimenti per l'Acqua abbiamo diffuso un comunicato stampa sulla denuncia della gravità delle modifiche apportate.
Per rafforzare la nostra azione, oltre ad utilizzare i social network per diffondere la notizia e tutti gli altri strumenti che possiamo ritenere utili, è opportuno avviare un'azione di pressione sui parlamentari tramite l'invio di una lettera, affinché nell'iter di conversione in legge del decreto intervengano per stralciare o almeno modificare profondamente le norme dal provvedimento. 
Il decreto è stato assegnato alle commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio e dovrà riceverà il parere di diverse altre commissioni, la cui discussione proseguirà la prossima settimana con relativa possibilità di presentazione di emendamenti.
Di seguito la lettera da inviare e in allegato l’elenco degli indirizzi e-mail delle/dei Parlamentari.
E' importante effettuare l’invio in modo coordinato e inviarla a partire da lunedì 8 a mercoledì 10 luglio insieme anche alla scheda di approfondimento.
Allegati:
Testo email
Scheda approfondimento Decreto Fare
Indirizzario_email_deputati_2013
Indirizzario_email_senatori_2013

PER EVITARE DI VEDERSI BLOCCATA LA PROPRIA CASELLA DI POSTA (CHE AL MASSIMO PUÒ INVIARE MAIL A CIRCA 500 DESTINATARI OGNI 24 ORE), SCEGLIETE SOLO UNO DEI GRUPPI DI INDIRIZZI IN ALLEGATO, ED UN SECONDO DA INVIARE NEL GIORNO SUCCESSIVO

PER FARE IN MODO CHE OGNI GIORNO SIANO COINVOLTI TUTT* LE/I PARLAMENTARI, SCEGLIAMO I GRUPPI A CASO E NON TUTT* IL PRIMO

Nessun commento:

Posta un commento