martedì 9 aprile 2013

L'amministrazione Comunale fa scena muta

Palestra Comunale a Cura

Ancora una lettera da parte del Dirigente Scolastico Roberto Santoni, riguardante l'ennesima richiesta al Comune per l'individuazione di locali idonei allo svolgimento delle attività motorie.
Da quando è stato chiuso, per lavori di ristrutturazione l'edificio scolastico di piazza Marconi, gli alunni delle scuole primarie non hanno più possibilità di svolgere educazione fisica a causa dell'assenza di palestre.
Purtroppo, le numerose missive della direzione didattica non hanno mai ricevuto risposta da parte delle autorità Comunali. Questo grave e preoccupante silenzio fa presupporre che non ci sia un piano per provvedere alla soluzione del problema. Da ormai quasi due anni scolastici, gli studenti di Vetralla, Cura e Tre Croci, non hanno potuto esercitare il diritto a svolgere l’Educazione Fisica, una materia fondamentale per la corretta crescita ed il corretto sviluppo fisico-ponderale, psichico e sociale degli alunni, come previsto dalle vigenti Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola dell’infanzia e del Primo Ciclo d’istruzione.
Come leggiamo dalla più recente lettera inviata agli amministratori, il Dirigente Scolastico, per risolvere in parte il problema, rinnova la richiesta di rendere operativa la palestra presso l'istituto P. Canonica, attualmente in disuso, sollecitando alcuni interventi di manutenzione al tetto e pavimento.
Da cittadini e genitori, ricordiamo che anche la palestra comunale di Cura, nonostante sia stata inaugurata più volte, non è ancora in esercizio e non si sa per quanto tempo rimarrà chiusa, si sarebbe potuta utilizzare per limitare il disagio agli studenti delle scuole elementari.
Anche questo anno scolastico si avvia alla conclusione, già il secondo che gli alunni e docenti svolgono in condizioni di difficoltà, Vetralla 5 Stelle si augura che le richieste del Dirigente Scolastico vengano prese al più presto in considerazione.

Per leggere la lettera ufficiale cliccare qui.

Nessun commento:

Posta un commento