giovedì 28 giugno 2012

Referendum per l'Acqua pubblica nel Lazio

Il MoVimento 5 Stelle di Vetralla ha deciso di sostenere il Referendum per l'Acqua pubblica nel Lazio, aderendo al Comitato vetrallese per l'Acqua Pubblica.

Cosi come per il passato referendum nazionale scendiamo in piazza a raccogliere le firme, insieme alle associazioni, partiti e movimenti, perché l'acqua è un bene comune.

Con la vittoria del 1° quesito referendario del 12-13 giugno 2011 è stata abrogata la norma che prevede l’obbligatorietà della privatizzazione del servizio idrico integrato.
Il referendum è stato proposto per far valere un principio chiaro: nella gestione dell’acqua, un bene comune fondamente, non si devono fare profitti e di conseguenza il privato deve stare fuori dalla gestione. La risposta dei cittadini votanti (95,35 % a favore della cancellazione dell’obbligo di privatizzazione) non può lasciare alcun dubbio sull’opinione, praticamente unanime, del popolo italiano.

La normativa europea dà ancora la possibilità di privatizzare il servizio idrico integrato e inoltre entro il 31 dicembre 2012  tutte le regioni dovranno legiferare in materia di servizio idrico, in particolare relativamente alla riorganizzazione degli Ato (Ambiti di Bacino Ottimali).

Per spingere la Regione Lazio verso una gestione del servizio idrico  pubblica e partecipata, nel rispetto della volontà popolare, un'ampia coalizione di cittadini, associazioni, forze sindacali e politiche, già impegnate nei referendum nazionali del 2011, ha depositato una proposta di legge regionale da sottoporre a referendum propositivo.

La proposta di legge dovrà essere firmata da almeno 50.000 elettori del Lazio e, se entro un anno dalla sua consegna non sarà discussa, il Presidente della Regione Lazio sarà tenuto ad indire il voto referendario, in cui  cittadine ed i cittadini saranno chiamati ad esprimersi su questa proposta di legge.

La legge in 10 punti
   
1) L'acqua è un bene comune e un diritto umano universale, la disponibilità e l'accesso all'acqua potabile sono diritti inalienabili e inviolabili della persona;

2) l'acqua è un bene finito, da tutelare e da conservare perché indispensabile all'esistenza di tutti gli esseri viventi della presente e delle future generazioni;

3) la Regione individua le unità territoriali di gestione del servizio idrico integrato sulla base dei bacini idrografici e delle infrastrutture esistenti;

4) per ogni bacino idrografico viene stabilito un bilancio idrico basato sull'equilibrio tra prelievi e disponibilità della risorsa allo scopo di preservarne  il ruolo ecologico;

5) le decisioni in merito alla pianificazione, alla  programmazione, alla gestione e al controllo della gestione del servizio idrico integrato vengono assunte dai rappresentanti degli enti locali con vincolo di mandato delle assemblee elettive, con la partecipazione dei cittadini e dei lavoratori del servizio idrico integrato;

6) la gestione del servizio idrico integrato è sottratta al principio della libera concorrenza, e realizzata senza finalità lucrative, in quanto servizio pubblico di interesse generale;

7) le infrastrutture del servizio idrico integrato sono di proprietà pubblica e inalienabile;

8) la regione incentiva la gestione pubblica del servizio idrico integrato tramite un fondo regionale per la ripubblicizzazione destinato esclusivamente ad aziende speciali e consorzi tra comuni;

9) il servizio idrico è finanziato tramite le tariffe, fondi regionali e tasse ambientali di scopo;

10) un fondo regionale finanziamento l'accesso all'acqua potabile nel sud del mondo.

Il comitato è aperto a tutti: singoli cittadini, associazioni ecc. Chi è interessato può contattarci.
A breve seguiranno date e modalità di raccolta.

Nel Comune di Vetralla si può firmare presso l'Ufficio Elettorale dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00 ed il martedì dalle 16:00 alle 17:00 fino a metà Agosto
Per maggiori dettagli:
www.referendumacqualazio.it

Nessun commento:

Posta un commento