lunedì 28 maggio 2012

Rischio suicidio a Vetralla

(Questo articolo è stato modificato dopo la sua pubblicazione, leggere gli aggiornamenti)

Riceviamo e pubblichiamo quest'accorato appello
"Gentilissimi, buongiorno.
Vi scrivo oggi con le lacrime agli occhi per farvi capire quanto sto soffrendo.
Sono stato dal sindaco un po' di tempo fa, gli ho scritto molte volte ma lui fa l'orecchio del mercante. Mi spiego: quando ci sono state le elezioni lo scorso anno, lui e chi per lui avevano assicurato casa popolare e lavoro. Della casa potrei anche fregarmene, ma del lavoro NO. Lui pur di andare al potere mi ha chiesto il mio voto, quello di mia moglie e di mio figlio. Inoltre mi sono impegnato a trovare altre persone per fargli dare il voto.
Oggi mi trovo disoccupato, triste e pieno di debiti. Per colpa di chi?
Non ci vuole molto a capirlo. Forse dovrò pensare al SUICIDIO, aiutatemi, aiutatemi, non ce la faccio più. Che il Signore vi benedica
. S.C."
Chiunque avesse un lavoro o supporto da offrire a questo cittadino può scriverci mediante il modulo cliccando qui (http://vetralla5stelle.blogspot.it/p/contattaci.html). Grazie.

Aggiornamento: 20/06/2012
La persona interessata ci ha comunicato che i Servizi Sociali del Comune si sono adoperati per risolvere la questione. S.C. ringrazia tutti coloro i quali si sono interessati alla questione.

19 commenti:

  1. il primo cittadino deve occuparsene..... o rinunciare al suo ruolo, non puo esistere una cosa del genere !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla giunta Aquilani arriva un nuovo segnale negativo, che evidenzia la mancanza di idee in merito allo sviluppo economico del paese. Oltre a non aver mai proposto un piano di interventi sulle attività economiche, la nuova amministrazione non è nemmeno riuscita a portare in discussione i piani relativi alle aree da adibire a distributori di carburanti e di localizzazione delle edicole.
      Gruppo Consiliare Progetto Vetralla- La giunta Aquilani deprime l’economia vetrallese.

      La causa di tutto ciò potrebbe risiedere in eventuali dissidi interni alla maggioranza: come mai, altrimenti, questi due provvedimenti, in fase di gestazione ormai da diverso tempo, non vengono ancora portati all’esame del Consiglio comunale per la loro definizione?

      Non va però dimenticato che l’amministrazione Aquilani si è dimostrata compatta ed unita nel mettere le mani nelle tasche dei cittadini e delle imprese, approvando un’aliquota IMU tra le più alte d’Italia. Il 9,50 per mille a carico dei proprietari dei locali adibiti a pubblici esercizi, libere professioni, attività commerciali ed artigianali e per gli altri immobili e seconde case, il 4,90 per mille sulla prima casa. Prelievi forzosi che incideranno pesantemente sui bilanci della popolazione e delle imprese vetrallesi.

      In tempi di crisi economica e disoccupazione galoppante, i cittadini e gli imprenditori necessitano di un ente comunale che sia pronto ad indicare, per le sue competenze, la strada da seguire per lo sviluppo delle attività d’impresa locali, mentre a Vetralla la giunta Aquilani, a causa del suo immobilismo, non riesce a fornire le risposte che una comunità si aspetterebbe.

      Si tratta, comunque, di un immobilismo un po’ particolare, che sparisce e genera straordinaria urgenza nel provvedere, in fretta e furia, ad interventi finalizzati ad iniziative ed eventi che in questo particolare momento dovrebbero passare in secondo piano.

      Non si interviene invece con la stessa celerità per la strada del cimitero vecchio, chiusa al traffico da oltre cinque mesi, che genera non pochi disagi all’intera collettività.ANDREA

      Elimina
  2. il primo cittadino deve occuparsene..... o rinunciare al suo ruolo, non puo esistere una cosa del genere !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scrivo perchè proprio adesso ho finito di guardare in tv il programma la vita in diretta.un caso simile è successo a Sassari al sig flavio. i servizi sociali gli davano una retta mensile di 250 euro.il sig. flavio viveva come credo questa persona di vetralla.con un accurato appello come a fatto la conduttrice, la venier, delle persone hanno preso al cuore questa situazione e hanno aiutato il sig. flavio.oggi con le 250 euro dei servizi sociali e il contributo di queste persone, gli anno dato una casa per il popolo.facciamo ugualmente anche noi.però io leggo che il primo cittadino deve occuparsene.finchè questo signore non ha il lavoro che il sindaco gli a promeso, alora che il sindaco gli da da mangiare e vestire, e gli paga le spese e tutto.
      tiziana

      Elimina
  3. Si... Vabbè, ancora con questa propaganda Marconiania e Pidiellina.
    Infatti pare proprio vero che "lui e chi per lui avevano assicurato casa popolare e lavoro"...
    Ma fatela finita e fate l'opposizione come si deve, se siete capaci, altrimenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece di scrivere e OFFENDERE questo cittadino, che in questo momento credo non fa' propaganda Marconiana e altro, e come scrive il sig. Luciano Segatori, il sindaco Aquilani non è nuovo a queste promesse di scambio di voto se cosi' si può parlare, pertanto faccia la persona corretta e seria e se può date una mano a questo cittadino, anche per una questione di umanità, se umano lei è.
      Francesco Ursini

      Elimina
  4. Spero che quanto scritto dal cittadino anonimo sia solo uno scherzo o una provocazione. Altrimenti ci troveremmo di fronte ad un voto di scambio bello e buono. In questo caso invito il cittadino (sprovveduto?) a rivolgersi alla magistratura e la prossima volta a credere un po' di meno a Babbo Natale e un po' di più in se stesso.
    Luciano Segatori
    (quello che ha vinto la causa penale per diffamazione intentata da Sandrino e suoi ed ora si appresta a chiedergli i danni)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo Sig. Luciano, il cittadino è veramente sprovveduto, anche secondo me ci troviamo di fronte ad un voto di scambio. Da quello che leggo, il raggirato aveva chiesto solo un POSTO DI LAVORO. Come di solito succede, il sig. Sandrino le sue promesse non le ha mantenute.Ora ci troviamo di fronte ad una situazione che potrebbe diventare drammatica.Confido nei servizi sociali e per riflesso al sig. Sandrino e ovviamente a quella schiera di cittadini che lo possono aiutare non a chiacchere ma con i fatti.

      Elimina
    2. Mi pare di aver capito che questo blog faccia riferimento ad un modo di fare politica che prescinde dal favore personale, dove l'interesse prioritario, se non supremo, è quello pubblico, per cui proprio la promessa (e l'accettazione) di una utilità personale, a scapito di quella collettiva e magari in frode della legge dovrebbe essere bandita.Vorrei ricordare che proprio dall'aggiramento delle norme sul pubblico impiego (concorso pubblico, etc.)anche Vetralla si è trovata il fardello della Vetralla Servizi dove, nonostante alcuni lo hanno ripetuto per anni, nessuno mi ha mai dimostrato di aver fatto un concorso a norma di legge e dove ci siamo ritrovati centinaia di migliaia di euro di debiti e per finire una Cassa Integrazione (che paghiamo tutti)senza fine. Non voglio che la gente perda il posto di lavoro, semplicemente voglio che quel posto ci sia effettivamente e non sia stato creato solo per finalità elettorali.
      Luciano Segatori

      Elimina
    3. Effettivamente hai ragione su quello che scrivi, però il primo cittadino deve occuparsene oppure rinunciare al suo ruolo,ognuno si deve assumere le proprie responsabilità. Ho parlato con i servizi sociali, dove mi hanno a stento assicurato che per questo cittadino ed in seguito anche per altri troveranno qualcosa in modo da far lavorare.(io però non credo a Babbo Natale).
      Mimmo.

      Elimina
  5. Leggo con molto dispiacere queste poche righe,ma se uno volesse aiutare questa persona come deve fare? A chi deve rivolgersi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se veramente intenzionati ad aiutare questa persona, ci si puo' rivolgere a Vetralla a 5 stelle.(http://vetralla5stelle.blogspot.it/p/contattaci.html).

      Elimina
  6. Abbiamo ricevuto questo messaggio, e lo abbiamo inoltrato ai servizi sociali del Comune di Vetralla.

    Abbiamo deciso di pubblicarlo per dare modo, a chi avesse la possibilità, di aiutare questa persona.

    Scriveteci utilizzando il modulo http://vetralla5stelle.blogspot.it/p/contattaci.html ed inoltreremo il messaggio all'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto e sono molto dispiaciuto di quanto successo a questo cittadino. Come si puo' fare per aiutarlo? Servizi sociali del Comune di Vetralla che fanno dormono? Adesso poi uno dice volgarmente mi incazzo. Fate girare questa notizia in modo che qualcuno (LE ISTISTUZIONI), PRIVATI, o altri cercano di risolvere questo problema. Sveglia Vetralla 5 Stelle. Svegliatevi.
      Francesco Ursini

      Elimina
    2. MA COME SI FA' VOI DEL MOVIMENTO A NON AIUTARE E CAPIRE QUANTO STA SUCCENDO NEL VOSTRO PAESE. MA AVETE (IL PROSCIUTTO AGLI OCCHI), COSI' MI PARE DI CAPIRE. IO IN VERITA
      MI AFFACIO ADESSO AL VOSTRO MOVIMENTO. NON SI VINCONO LE GUERRE IN QUESTO MODO.COSA ASPETTATE CHE QUESTA PERSONA SI SUICIDA, E DOPO DATE LA NOTIZIA. BASTA CHE SCRIVETE, AGITE INVECE PARLATE CON IL PRIMO CITTADINO, PARLATE CON LA GIUNTA, PARLATE CON CHI SI OCCUPA DEI SERVIZI SOCIALI. SE LE COSE STANNO COSI' VI DEVONO DARE DELLE SPIEGAZIONI PER FORZA QUESTA NON E LA POLITICA CHE FA BEPPE GRILLO.
      Francesco Ursini

      Elimina
  7. Ho parlato personalmente con questa persona. Gli ho dato il mio appoggio morale, per quel che serve, e mi sto adoperando per cercargli qualcosa, anche se senza risultati, al momento.
    Ho segnalato la cosa ai servizi sociali, ma S.C. mi ha detto di essere già in contatto con loro, anche se non sembrano di essere di grande utilità.

    Il M5S è aperto a tutti i cittadini, quindi se avete suggerimenti, aiuti, proposte, datevi (diamoci) da fare. Io da solo non posso fare molto di più. Usate il modulo segnalato sull'articolo e vi metterò volentieri in contatto con la persona in questione.
    Anche una chiacchierata, secondo me, può essere incoraggiante anche se, ovviamente, non risolutiva.

    Scusa Francesco se non sono all'altezza, è dal 2010 che seguo il movimento e provo ad ampliarlo nel nostro paese. Pare che tu, che ti sei appena affacciato, hai delle idee migliori. Ottimo. Venerdì 15 ci incontriamo, se vuoi venire ad esporle saremo lieti di ascoltarti.

    RispondiElimina
  8. Abbiamo già segnalato la cosa al Sindaco. La prossima settimana S.C. incontrerà nuovamente il Dott. Russo, responsabile dei servizi sociali, il quale aveva dato qualche possibilità di sbocco nell'ultimo incontro.

    Abbiamo deciso di non divulgare l'appello sui giornali per non essere accusati di fare "strumentalizzazione politica", vista l'accusa insita nel testo. La priorità va alla soluzione del problema, poi ci potremo occupare dei nostri politici, o dipendenti come preferiamo chiamarli.
    Ci stiamo adoperando nelle nostre possibilità. Se avete suggerimenti o proposte fatevi avanti. Il M5S è partecipazione e condivisione. Le critiche fine a se stesse sono inutili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ben detto, ben detto.
      le critiche sono inutili.
      cosimo.

      Elimina
  9. La persona interessata ci ha comunicato che i Servizi Sociali del Comune si sono adoperati per risolvere la questione. S.C. ringrazia tutti coloro i quali si sono interessati alla questione.

    RispondiElimina