venerdì 4 novembre 2011

Diamoci un taglio alle spese militari

L’Italia spende oltre 25 miliardi di euro per la difesa militare, pari a circa l’1,4 per cento del proprio prodotto interno lordo. Percentuale ben più rilevante dello 0,9 per cento dichiarato ufficialmente dal Governo,che divide la spesa su ministeri diversi, occultando l’ammontare reale del bilancio militare. Il contrario di ciò che accade in altri paesi europei.
Si tratta di un volume di spesa ingiustificato nell’attuale situazione internazionale, tanto più nel momento in cui si chiede ai cittadini italiani di sopportare una manovra iniqua che preferisce tagliarla spesa sociale e il trasporto pubblico piuttosto che rinunciare a qualche cacciabombardiere.


Per porre fine a quest’immorale sperpero di soldi pubblici, SEL Vetralla sarà presente: sabato 5 Novembre in Piazza Marconi dalle 10:00 alle 13:00 e domenica 13 Novembre nella Piazza centrale di Cura dalle 10:00 alle 13:00, con un gazebo informativo e per dare la possibilità a tutti di firmare la petizione per la riduzione delle spese militari.

Nessun commento:

Posta un commento