mercoledì 15 giugno 2011

Analisi chimica fontanelle dearsenizzate a Vetralla

Abbiamo ricevuto dal responsabile HSS Consulting, installatore delle fontanelle dearsenizzate a Vetralla per conto di Acqua Logica, le analisi chimiche delle fontanelle di Tre Croci e Cura di Vetralla.

Clicca qui per visualizzare il documento.

A breve le analisi verranno affisse direttamente sulle pareti della "Casa dell'Acqua", così vengono chiamate le installazioni.

Ovviamente oltre a non contenere arsenico è giusto segnalare come i valori di sali minerali siano ottimali, questo perché non vengono usate tecniche come l'osmosi inversa (comunemente usata nelle costose installazioni casalinghe e che rendono l'acqua quasi "distillata" e alle volte non potabile secondo le norme vigenti), ma metodi di depurazione fisici.

In un precedente articolo abbiamo descritto la situazione delle installazioni.

Continuiamo ad essere convinti che la soluzione finale debba essere quella di avere un'acqua sana e pulita che sgorghi direttamente dai rubinetti delle nostre case ma, nel frattempo, potremo tranquillamente utilizzare queste fontanelle al posto della costosa ed inquinante acqua in bottiglia.

Alleghiamo anche un documento di presentazione:

clicca qui per aprire il documento

da cui prendiamo questo dato che può essere utile a capire il potenziale vantaggio dell'uso delle fontanelle al posto delle bottiglie del supermercato:


Il Progetto della Provincia di Viterbo
La Provincia di Viterbo ha scelto la filosofia e la tecnica LOGICA® per il progetto CASA DELL’ACQUA per i Comuni della Provincia di Viterbo.
In quei territori è presente da fine 2010 un’emergenza per inquinamento da Arsenico e LOGICA® con le sue Case dell’Acqua dotate di filtro dearsenizzatore, garantirà acqua potabile e di qualità alla cittadinanza.
Per la sofisticata e avanzata tecnologia di distribuzione, è stata scelta per Viterbo capoluogo e per alcuni tra i Comuni principali della Provincia come Vetralla e Ronciglione.
Il sistema di accesso – identificazione e pagamento prescelto è stato quello con la tessera a microchip
Il protocollo d’intesa con la Provincia di Viterbo prevede l’installazione di 27 Case dell’Acqua LOGICA®
A regime, tale progetto farà risparmiare alla collettività viterbese circa PER OGNI ANNO:

  • 4.400.000 euro di spesa per acqua in bottiglia;
  • 16.400.000 bottiglie di PET da 1.5 litri;
  • 1.200.000 kg di PET;
  • 2.300.000 kg di Petrolio;
  • 160.000 euro di spesa per smaltimento delle bottiglie in PET.

13 commenti:

  1. Salve, io abito a La Botte sopra la zona industriale, anche se questa delle fontanelle è una soluzione temporanea per gli abitanti della mia zona è abbastanza complicato e proibitivo andare fino a Cura per prelevare l'acqua; tanto vale comprarla in bottiglia.
    A questo proposito volevo sapere se era in progetto di installare una di queste fontanelle anche nel territorio de "La Botte" oppure le cose rimarranno così.
    Ringrazio per la risposta e il lavoro che fate quotidianamente su questo blog, La mia casella postale se vorrà rispondermi è giacafe@hotmail.com

    RispondiElimina
  2. Salve Federico,
    rispondo in merito alla tua richiesta di informazioni sulle fontanelle.
    A Marzo la Talete ci ha risposto così:
    "Buongiorno,
    le zone di ubicazione delle fontanelle presso il Comune di Vetralla, sono le seguenti:
    Vetralla - Piazza Funari
    Fraz. Cura - Via Vittorio Veneto
    Fraz. Tre Croci - Loc. Prato dei Fiorentini"

    Durante la conferenza che abbiamo aiutato ad organizzare (http://vetralla5stelle.blogspot.com/2011/03/sabato-19-incontro-pubblico.html) ci è stato detto questo:
    "Localizzazione e numero delle fontanelle non è fissato a priori ma è deciso dall'Amministrazione Comunale in funzione delle esigenze riscontrate e potrà quindi essere modificato nel tempo."
    http://vetralla5stelle.blogspot.com/2011/03/arsenico-talete-presente-comune-assente.html

    Il tutto è stato gestito dal commissario, ora la faccenda è in mano al Sindaco Aquilani. E' a lui che vanno richieste ulteriori installazioni.

    Lo stato dell'arte è questo:
    http://vetralla5stelle.blogspot.com/2011/06/che-punto-sono-le-fontanelle.html

    Sono felice che trovi utile le informazioni che pubblichiamo su questo blog. Continua a seguirci, proveremo a farci carico del tuo disagio, che è lo stesso di molti cittadini, sperando che, quanto prima, il problema possa essere risolto alla radice.

    Saluti
    Brendan Chierchiè

    RispondiElimina
  3. Grazie mille per l'esauriente risposta, spero che il problema venga risolto e continuerò a seguirvi.

    Un saluto
    Federico

    RispondiElimina
  4. Ho contattato l'installatore. Ecco la sua risposta "L'istallazione delle Case si richiede al Comune: il bacino d'utilizzatori potenziali minimo per poter fare un buon lavoro è di circa 3.500 – 5.000 persone (soprattutto per la mia che come avrà notato è quadrupla potendo servire quattro persone contemporaneamente)"

    Diciamo che 3 installazioni potrebbero servire 15 mila persone coprendo la popolazione Vetrallese, ammettendo che tutti prelevassero l'acqua.

    RispondiElimina
  5. Non capisco perchè i commenti da me fatti non vengono pubblicati!!!Forse sbaglio qualcosa io E vorrei sapere come fanno a dire che l'osmosi inversa fa l'acqua distillata , addirittura non potabile???
    Ma se la stessa ENEA ha detto che l'unico sistema per rimuovere l'arsenico e gli altri inquinanti è l'osmosi inversa !! Mi chiedo chi siano questi installatori di "casette" che accusano questa unica soluzione ...Controlliamo piuttosto ( e lo chiedo alle autorità competenti) di analizzare l'acqua che esce da queste "casette" e poi venite a casa mia ad analizzare la mia, trattata con l'osmosi inversa !
    GRAZIE Ro'

    RispondiElimina
  6. L'osmosi inversa è un processo meccanico che elimina, oltre ad alcuni inquinanti anche i sali minerali.

    Ecco un paio di link per approfondire:

    http://www.altroconsumo.it/i-filtri-s107212.htm

    Oppure:
    http://www.altroconsumo.it/20080508/acqua-una-risorsa-da-conoscere-Attach_s205803.pdf

    dove c'è scritto:
    A osmosi inversa. L’acqua è forzatamente condotta, alzandone la pressione,
    attraverso una membrana semimpermeabile da cui possono passare solo certe
    sostanze e in certe quantità. È il sistema di depurazione più efficiente, agisce sui
    metalli pesanti, i nitrati e altre sostanze indesiderate. Agisce anche sulla durezza, ma non è detto che vi sbarazzi del tutto
    di pesticidi e solventi di origine industriale.
    La filtrazione può comportare un notevole
    spreco di acqua non trattata.
    Altroconsumo ha svolto di recente un’inchiesta su questo tipo di filtri installati nelle
    case di alcuni soci. I risultati delle analisi parlano chiaro: in quasi tutti i campioni filtrati
    l’addolcimento risulta eccessivo e in alcuni
    casi la carica batterica dell’acqua filtrata è
    addirittura superiore a quella dell’acqua di
    partenza.

    Sempre su Altroconsumo, ma sulla rivista, on line non trovo l'articolo, specificava che l'acqua in alcuni test era così addolcita che cmq non potrebbe essere considerata potabile secondo le norme di legge.

    In ogni caso dalle analisi che abbiamo pubblicato qui:
    http://www.bricke.net/vetralla5stelle/fontanelle/Analisi-fontanelle-Vetralla.pdf

    l'arsenico con il metodo usato dalle fontanelle installate è stato eliminato completamente.

    Ti suggerisco di leggere i commenti al seguente articolo:
    http://vetralla5stelle.blogspot.com/2011/06/come-funziona-la-depurazione-nelle-case.html

    Ovviamente nessun commento è stato cancellato e/o non pubblicato.

    RispondiElimina
  7. Il fatto dei commenti era sicuramente , come avevo già precedentemente affermato , un mio mal funzionamento del sistema ....


    Ritornando al discorso delle analisi effettuate alle casette...mi sembra di aver letto che risultano come da parameti della legge molto antecedente a quelli che dovremmo avere come richiesto dalla comunità europea, non leggo che sia stato eliminato completamente!!

    Inoltre in un articolo del febbraio c.a. altroconsumo diceva invece che l'unico sistema che rimuove l'arsenico , lasciando la giusta quantità salina sia propio l'osmosi inversa ..
    Forse leggiamo giornali con lo stesso nome ma con idee diverse.
    E' proprio vero che non c'è da fidarsi di nessuno.Sono fortunata a lavorare con colleghi biologi ai quali periodicamente faccio controllare l'acqua che sgorga dal mio rubinetto .

    Inoltre lo spreco di cui tanto si parla e devo ammettere che anche io avevo i miei dubbi, ho appurato che è acqua inquinata,quindi ben venga lo "spreco" ...Purtroppo non abbiamo solo il problema dell'arsenico , ma di ben oltre 100 inquinanti nella nostra acqua.
    E credo che il problema non si potra' risolvere in tempi brevi come asseriscono alcuni comuni della tuscia, sul problema dell'arsenico...ce la vogliono dare a bere ancora ...
    mah!
    Scusate ancora la mia polemica , ma io so di aver risolto e da più di un anno non sono più un'acquirente di acque minerali e non ho acquistato la tessera per andare a fare la fila e prendere acqua che già pago ! Mi sento fortunata ...anche perchè ho acqua pura che esce dal mio rubinetto .
    Buona giornata Rò

    RispondiElimina
  8. Rò potresti far analizzare l'acqua delle casette? Potremmo pubblicare i dati. Sarebbe interessante pubblicare dei dati da una fonte "esterna".

    "Ben venga lo spreco" non mi piace come concetto. Se esistono metodi di pulizia che non sprecano li preferirei.

    Sono contento che tu abbia risolto, io preferirei che lo facessero gli enti preposti. e che l'acqua che sgorga dal rubinetto fosse potabile come è giusto che sia, da un punto di vista etico e legale. (tralasciando che io ho il pozzo e non sono allacciato, ma la faccenda non può essere solo personale).

    In ogni caso dal documento delle analisi fornito dall'installatore c'è scritto nei risultati dell'arsenico "n.r." che significa "non rilevato". Quindi l'arsenico nelle fontanelle non c'è.

    RispondiElimina
  9. Certo che si possono fare le analisi, ovviamente hanno un costo di 120 euro più Iva .


    Anche a me non piace il concetto di "spreco"ma se non è potabile, purtroppo devo dargli questo aggettivo.

    Gli enti preposti hanno dato incentivi per acquistare porte e finestre, per abbassare il consumo dell'inquinamento e del metano , giusto e ben venga...ma certo il business dell acque minerali è molto più potente degli spifferi dalle finestre ...forse è per questo che non danno incentivi?? Inutile girarci intorno, l'acqua non sarà più quella di una volta e non potrà che andare a peggiorare.:-(

    Se dalle analisi c'è scrtto NR (non rilevato) potevano metterci il numero come per gli altri esami assenti sulle analisi , e cioè "zero"
    E vorrei anche ricordarti che le analisi sono di aprile ...penso sia il caso di ripeterle...i filtri con tutta quell'erogazione potrebbero essersi già intasati e automaticamente riaumentare l'arsenico...
    E ancora un domanda...
    sulle analisi c'è scritto che siamo a norma con il d.d.l del 2001 ....2001??? CIOE' QUANDO I PARAMETRI DELL'ARSENICO PER LEGGE, E SOTtOLINEO PER LEGGE, DICHIARAVANO ACQUA POTABILE CN L'ARSENICO A 50 MG IL LITRO....non dimentichiamo che la comunità europea ci ha richiamati per 3 volte affinchè i parametri scendessero sotto la soglia dei 10mg il litro.Addirittura ora vorrebbero portarli a 5 ....ma si sa noi italiani siamo persuasivi e vedrete che per legge , ancora una volta, avremo un'acqua potabile SOLO per legge però ...
    Prosit!

    RispondiElimina
  10. Allora Rò

    Per quanto riguarda la qualità delle acque delle fontanelle nel tempo:
    I filtri, da 600 litri/ora, hanno una durata stimata di 2.100.000 litri di acqua con arsenico teorico a 50 microgrammi: attualmente le Case dell'Acqua arrivano fino a 1.000 litri al giorno e quindi si presuppone una durata dei filtri di circa 5 anni e mezzo. Se dovessero essere utilizzate al doppio di quanto attualmente viene fatto, la durata sarebbe di circa 2 anni: la società installatrice si impegna a controllare ogni mese, e quindi non potrà sfuggire l'eventuale esaurtimento della capacità filtrante.

    Per quanto riguarda lo spreco:
    ribadisco che se esistono diversi sistemi di purificazione e uno consuma più acqua di un altro è da tenere in considerazione.

    E' vero, le lobby delle minerali sono forti ed altrettanto quelle del petrolio. Non sottovalutare lo spreco di soldi e di energia per il riscaldamento ed il raffreddamento delle nostre case ed aziende. Il rapporto di Kwh per mq è tra i più alti d'europa. Assurdo se si pensa che mediamente la nostra regione è più calda di molte altre e dovrebbe spendere meno per il riscaldamento. Gli incentivi per i doppi vetri (che certo non si limitano a ridurre solo gli spifferi) creano anche indotto.

    In ogni caso la legge del 2001 impone il limite massimo a 10μg (e non mg), quello di cui parli tu sono deroghe che hanno alzato temporaneamente il limite e di cui ha giovato anche il nostro comune. E' possibile che tale limite verrà abbassato a 5 ed è auspicabile che venga posto, prima o poi, a 0.
    Qui trovi le informazioni

    La frase "non avremo più l'acqua come una volta" non è auspicabile, l'arsenico nelle nostre acque c'è sempre stato, è solo che la comunità scientifica ha verificato che fa male.
    Il motivo per il quale c'è l'arsenico è stato spiegato durante la conferenza che abbiamo organizzato a Vetralla tempo fa, non so se c'eri. Ecco qui un resoconto.

    Ciao

    RispondiElimina
  11. L'arsenico nell'acqua in uscita dalle Case è zero. Ufficialmente però, i certificati devono registrare solo la … NON REGISTRABILITA' del parametro Arsenico: quindi di deve scrivere o NR (non rilevabile)

    Questa è la risposta che mi ha fornito la Logica S.r.l.

    RispondiElimina
  12. Invito a leggere due articoli uno
    fornito la Gazzetta di Mantova o, meglio, chi mi ha fatto pervenire due articoli ( pubblicati abbastanza di recente dalla Gazzetta di Mantova ), entrambi a firma di Francesco Romani. Il primo, del 18 dicembre 2010, dal titolo : “ Case dell’acqua, via all’inchiesta “. Sottotitolo: “ Nel mirino della Procura la convenzione senza gara con la Logica srl “.

    Il secondo, del 7 gennaio 2011, dal titolo: “ Gli intrecci e le parentele strette nel grande business dell’acqua “ .
    Catenaccio: “ Intrecci e parentele nelle vicende delle case dell’acqua, fontanelle che possono erogare acqua refrigerata o gassata a prezzi popolari. La società che le dovrebbe far sorgere nel Mantovano, Logica srl, è nata nello studio legale che sta seguendo come advisor la scelta del partner privato di Tea Acque “.

    A Viterbo dunque,e anche nella stessa nostra cittadina , Vetralla potrebbe essere iniziata la ‘proiezione ‘di un film già proiettato in qualche altra città d’Italia o – quantomeno – la ‘ proiezione ‘ di qualcosa di simile a quanto già visionato ‘nella Procura della Repubblica di Mantova ?
    La proiezione di un film che, in ogni caso, sembrerebbe avere la stessa trama ( o una trama molto simile ) ma sicuramente lo stesso… attore protagonista ?
    Il dr. Silvano Morandi, per esempio ?
    Il dr. Silvano Morandi, per esempio, titolare della HSS, produttrice delle ‘ case dell’acqua ‘ di Logica srl ? Come mi suggerisce il Senatore Buonatesta

    se volete pote leggere l'articolo interamente qui
    http://www.latuavoce.it/notizie/notizia.asp?id=35266
    Grazie

    RispondiElimina
  13. Abbiamo pubblicato le risposte del Sig. Morandi clicca qui riguardo agli articoli segnalati

    RispondiElimina