martedì 22 marzo 2011

Resoconto assemblea arsenico a Vetralla

Il 19 Marzo si è svolta a Vetralla un'assemblea pubblica per discutere del problema arsenico di cui tanto abbiamo scritto su questo blog.

Grazie a Francesca Lotti, idrogeologa dell'Università degli studi della Tuscia, abbiamo capito per quale motivo è presente l'arsenico e non solo, nelle nostre acque. Semplificando al massimo: l'acqua calda e sulfurea che si trova nel sottosuolo trova delle crepe, presenti nello strato impermeabile, riuscendo ad arrivare fino ai serbatoi naturali di acqua, inquinandola. Oltretutto i luoghi dove sono stati realizzati i pozzi risultano essere, specialmente a Vetralla, errati dove la temperatura del sottosuolo era più alta e dove queste infiltrazioni erano più presenti.

Altra presenza importante è stata quella di Marco Fedele, presidente della Talete spa, società che dal 1 Gennaio 2011 ha preso in gestione l'acquedotto vetrallese. Ha mostrato le soluzioni che stanno mettendo in campo, in collaborazione con provincia e regione, che è diviso in tre fasi:
  • installazioni temporanee di fontanelle sparse per il territorio che erogano acqua dearseneficata (entro fine mese)
  • installazione di 5 dearseneficatori a Vetralla (entro 1 anno)
  • approvvigionamento di acqua potabile dal lago di Bolsena

Purtroppo, a differenza di quanto preannunciato, la Dott.ssa Litta di Medici per l'Ambiente non ha potuto (voluto) partecipare. E' però possibile vedere un suo filmato registrato in occasione della conferenza organizzata dai Grilli Viterbesi qualche mese fa. Anche l'associazione dei consumatori Codici ha deciso di non presentarsi.

Nessun commento:

Posta un commento